rifiuti ponte schiavonia

La collaborazione fra istituzioni e fra tecnici è fondamentale per riuscire a fronteggiare le situazioni più problematiche, sia in chiave di criticità, sia come prevenzione. Per questo motivo vorrei sottolineare l’importanza di una buona pratica attuata in questo periodo dal Servizio Area Romagna dell’Agenzia Regionale per la Sicurezza Territoriale e la Protezione Civile che ha portato all’azione straordinaria di raccolta della plastica nel fiume Montone” spiega in una nota l’assessore l’assessore alle politiche ambientali Giuseppe Petetta.

Nel rimuovere gli ammassi di tronchi creatisi a seguito delle recenti piene, i tecnici del servizio regionale, dei quali conosco la professionalità e l’impegno, si sono inventati un modo pragmatico per separare la plastica presente in grande quantità, impedendole di finire al mare. Grazie a un attrezzo realizzato in officina, un specie di rastrello lungo circa 5 metri fissato all’escavatore, è stata “rastrellata” la superficie del fiume, su cui galleggiavano, tra le altre cose, centinaia di bottigliette” spiega nel dettaglio l’assessore.

Un’enorme quantità di plastica è stata così separata, raccolta in grandi sacchi e conferita all’Isola ecologica di Forlì. Ho avuto modo di vedere personalmente i tecnici all’opera e ho approfondito la notizia sul sito internet della Protezione Civile Regionale. Si tratta di una iniziativa encomiabile che va sicuramente condivisa e estesa dove è possibile per contrastare l’inquinamento da plastica. Assieme a questo sarà importante potenziare sempre più l’aspetto della prevenzione attraverso il controllo e l’educazione ai giovani, ai consumatori e a cittadini” conclude Giuseppe Petetta.