De Girolamo: “Governo insiste su sicurezza della rete ferroviaria e nuovi collegamenti merci”

0

Il via libera del Cipe all’aggiornamento 2018-2019 dei contratti di programma Investimenti Rfi-Mit 2017-21 rappresenta un cambio di passo nella contrattualizzazione di circa 15,4 miliardi di euro in più“. Così in una nota il deputato forlivese del Movimento 5 Stelle Carlo Ugo de Girolamo che riassume le importanti infrastrutture sbloccate dal Cipe.

Dei 15,4 miliardi di euro complessivi in più previsti dall’aggiornamento, 2,5 miliardi vengono poi destinati all’aumento della sicurezza, con l’avvio, tra l’altro, di un importantissimo programma dedicato alla conservazione e all’efficientamento di oltre 19mila opere tra ponti, viadotti e sottovia. Il resto delle risorse verranno impiegate, in particolar modo, per valorizzare le ferrovie turistiche, interventi a supporto delle linee regionali, i principali nodi urbani, le nuove line di Alta capacità e i collegamenti di ultimo miglio per porti, aeroporti e terminali. Ci saranno ricadute positive anche per l’Emilia-Romagna – annuncia il deputato del M5S e componente della Commissione Trasporti a Montecitorio – visto che i 636 milioni di Euro in più per gli investimenti riguarderanno l’ammodernamento e la manutenzione della rete ferroviaria in Emilia Romagna. Un risultato importante che ci consentirà di mettere in sicurezza la rete ferroviaria della Regione e potenziare numerosi collegamenti”.

“Tra i lavori di manutenzione previsti anche 29 opere tra ponti, viadotti e sottovie. Saranno potenziate, inoltre, le linee regionali verso la Romagna e messe in sicurezza grazie anche al nuovo sistema tecnologico ERTMS, così come i principali nodi urbani e le nuove linee ad Alta capacità ed il nodo di Bologna. Un investimento di assoluto rilievo quello da 5 milioni di euro destinato poi al porto di Ravenna, mentre saranno potenziati i collegamenti dell’ultimo miglio per porti, aeroporti e terminal merci, come lo scalo di Villa Selva i cui interventi di potenziamento sono in corso di ultimazione – prosegue il deputato che conclude – si tratta di investimenti importanti da tempo attesi e che renderanno più facile spostarsi sulla rete regionale. Un servizio migliore per i cittadini e per il traffico merci e che ci porrà all’avanguardia nella sicurezza ferroviaria“.