Festa Artusiana Forlimpopoli

Prosegue la sintesi dei migliori ristoratori/espositori/varie presenti alla 23° Festa Artusiana. Ecco il secondo articolo. Ecco gli assaggi, interviste ed indicazioni.
Stand “Camillo in pescheria”, lo trovi in zona Vigili Urbani in centro a Forlimpopoli. Sotto il nome di “Camillo” si ritrovano diverse realtà enogastronomiche romagnole, tutte di valore, le elenco: Ristorante Don Abbondio; Locanda Appennino a Predappio; Camillo, il noto panificatore (dà il nome allo stand); Osteria La Casetta un nuovo localino a Fiumana di Predappio; Big Bar, un bel bar con ristorante; Benso, una delle più affermate e blasonate location sulla piazza di Forlì. Camillo presenta un menù di tutto rispetto:
Pizza al tegamino con Friarelli e Salsiccia, ingredienti azzeccati partenopei per questa tipologia di pizza (diversissima dalla pizza stesa, Ndr): classica, che si rifà alla pizza descritta, ben lievitata, gonfia, buona. Pesce con pangrattato cioè Saraghina al Limone (ricetta Artusi # 460); Spaghetti con le Telline, vongoline buonissime tipiche di Viareggio, buonissimo (Ricetta Artusi # 63); Seppia con piselli (Artusi # 500), assaggiata personalmente, buonissima; Risotto brodo di pesce (Artusi # 83), buona; Cozze alla Marinara; Pesce fritto dell’Adriatico (assaggio, buonissimo); Torta mantovana (Artusi # 577); Torta di riso (Artusi # 638). Aperto tutte le sere.

Stand Le Mariette. Le arcinote Mariette già da noi recensite più volte e vincitrici di nostri golosi award. Assaggio del Cappelletto al Ragù. Bene, classico cappelletto va in classifica, la redigeremo a fine Artusiana, lunedì 1 luglio. Un ripasso dallo stand di Polessella, ultima sera. “Potaccin di fagioli” questo è il micidiale assaggio (già fatto in passato) che mi viene propinato. Si tratta di un “paciugo” di fagioli borlotti, olio di oliva aglio e rosmarino, in cottura si aggiunge un po di pomodoro. Buoni. Ricordiamo il Risotto artusiano ( # 37) ed il baccalà rosso.

Osteria San Nicola. La nuova osteria sorta sulle ceneri di ben tre precedenti gestioni, nella chiesina di San Niccolò e che ho da poco recensito e la troverete sulla rubrica dei ristoranti “Il + e il menù”. San Nicola ha creato un botteghino con uso del “Cappelletto al ragù su Cono da Passeggio”, si tratta di uno squisito cappelletto (compenso: Lombetto Parmigiano Fossa e spezie/Ragù: manzo 80 e salsiccia 20, spezie) posto su una vaschetta in cartone alimentare, da qui il nome “Cono”. Un prodotto buonissimo.

Stand Pantofla – Cervia. Riecco il noto coreografico stand capitanato dall’instancabile presidente Roveda, già recensito sia come ristorante (sul canale di Cervia, Ndr) che durante le varie manifestazioni. Il menù è composto da Cozze in zuppa e Saraghine alla brace. Tutto ottimo, freschissimo.

Pro Loco Galeata. Questo stand presenta il famoso Tortello alla Lastra, un crescione che loro chiamano Tortello, con alcune variazioni sugli ingredienti. Buono.

Stand Comitato Gemellaggi di Bertinoro. La Pro Loco, presente in questo stand, Bertinoro il bel paese arroccato soprannominato il “Balcone della Romagna” presenta stasera un Cappelletto. Si tratta di un cappelletto tradizionale compenso formaggio con ragù di carne. Avanti.

Stand Agricola Martini – Galeata. Noto stand già citato sul nostro giornale. Presentano principalmente il “Ciavar”, un composto con mix di carni: Goletta, (carni meno nobili del maiale), cuore, lingua, sale di Cervia, Sangiovese, aglio, pepe. Non è un piatto per vegetariani ma è molto buono. Una nota sulla differenza della lavorazione con Piemonte: cuore lingua e parti sanguigne vengono fatte asciugare in modo che i vasi capillari si puliscono dal sangue, si “dissanguano bene”; da noi (Martini) per fare il Ciavar appena si macella si usano i capillari pieni di sangue della bestia e ciò darà più dolcezza all’impasto che sarà anche meno asciutto, una sadica spiegazione del goloso panino che potrai degustare!

Stand BI-For. Il noto birriificio con cucina di Forlì che troverai a Forlì in Piazza Cavour 14.
Presente alla festa artusiana con uno stand sino a domenica 30 giugno. Ottima birra di tutti i gusti.