Solo-cose-belle

Titolo film: Solo cose belle. Regista: Kristian Gianfreda con Idamaria Recati, Luigi Navarra, Giorgio Borghetti, Carlo Maria Rossi, Barbara Abbondanza, Marco Berta, Francesco Yang, Aaron Maccarthy, Marco Brambini, Patrizia Bollini, Federica Pocaterra. Genere Commedia – Italia, 2019, durata 90 minuti.

Trama – È la storia vera di una casa-famiglia della comunità di don Benzi, le sue vicissitudini e quelle dei suoi ospiti. Il film tratta il tema della disabilità in modo divertente, profondo e dignitoso. In questo film si si intrecciano varie storie, sia dei personaggi della casa-famiglia, sia degli abitanti del paese che all’inizio si mostrano ostili nei loro confronti, poi col tempo imparano a conoscerli e cambiano atteggiamento. Specialmente il cambiamento si nota in una ragazza, figlia del sindaco, che prima mostra indifferenza nei confronti di Kevin uno degli ospiti della casa-famiglia e suo compagno di scuola. Alla fine diventano amici, anche se le loro strade si dividono.

È un film che insegna a non fermarsi all’apparenza, ma a voler conoscere l’altro in profondità senza badare a come ci si mostra fisicamente. Anche nei momenti più brutti, come dover cambiare casa spesso perché rifiutati, ecco il giudizio di un ospite tetraplegico di nome Ciccio, figlio vero della mamma della casa-famiglia, che afferma di aver vissuto solo cose belle. Da qui il titolo del film. Dando così una speranza per il domani e la voglia di credere ai sogni grandi. 

Loretta e Giovanna

CONDIVIDI
Articolo precedente"Rohingya. L'inferno dimenticato dei bambini" e l'incontro "A sem di rumagnol"
Articolo successivoBirrafranca VII edizione
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).