Ristorante La Mistica

0

La Mistica “Amordicibo”
Indirizzo: Via Cesare Battisti, 14/16 – 41012 Carpi MO
Recapiti tel. 342 8072998
Giorno di chiusura: sabato a pranzo e domenica
Orario di esercizio: pranzo/cena
Si può prenotare? Si, consigliato. Accettano tutte le Carte di Credito.
Il locale è climatizzato e con saletta esterna.

Come arrivare/itinerario consigliato: portarsi in centro a Carpi.
Parcheggio: in centro. Fascia oraria gratuita 12,30-15,30.

Carpi nota cittadina emiliana, provincia di Modena, già culla manifatturiera dell’abbigliamento chic oggi in mano ai pochi gruppi cinesi, e aggiunga il terremoto dell’Emilia. Carpi però ha saputo risollevarsi. Merito della caparbietà tutta emiliana che qui si respira nell’aria. Il locale in esame è diretto da un imprenditore che si definisce un “sognatore coi piedi per terra”. È un manager giovane, colto, capace, con un forte appeal: Marcello assieme al suo socio (sul Ristorante), pensa bene di rilevare un localino in centro storico: lo chiamano “La Mistica”, modestia a parte sul mondo goloso. Ed è ‘gol’. Il titolare Marcello Fantuzzi l’avevo conosciuto allo Smeraldo a Maranello (locale recensito) a cena con la sua famiglia sul metro di pizza. Mimma Flagiello, napoletana doc, dirige anch’essa La Mistica da sei anni e con successo. Un locale piccolo con soli 45 coperti, l’ideale (diffidate dai grandi locali con tre cifre di coperti) più una bella veranda esterna da altri 35 coperti “sempre in ombra” grazie ai palazzi del centro storico. Cucina emiliana anche rivisitata. In cucina lo Chef Matteo Graziani di Grosseto che vanta un blasone eccezionale avendo ricevuto la placca della “Guida di Veronelli”, chiusa nel 2005 ed è coadiuvato dal collega chef Matteo Monte. Tutti sono coordinati da Marcello Fantuzzi, manager imprenditore, stratega operativo. La filosofia del locale prevede anche P.L. (cioè Pranzi Lavoro), a partire da soli 8 euro, ed un menù che cambia ogni settimana. Disponibilità a convention aziendali (vedi loro stesso Gruppo NCS) e piccoli catering come buffet augurali ed altro. 

L’attenzione al locale prevede anche il Flusso di Cassa, non avevo mai sentito in un ristorante parlare della cosa: un nuovo sistema di controllo gestionale (costi e ricavi) per monitorare mensilmente il cash per capire se guadagni o meno. Fantuzzi è anche questo!

L’antipasto è un “Cappuccio di Seppie”, una bella seppia buonissima, semplice come dev’essere (voto 9,5). Quindi un fuori menù, uno “Spaghetto AOP e pomodori caramellati al forno”: modifica napoletana sul sacro non banale AOP (Aglio Olio Peperoncino, Ndr) aggiungendo pomodoro ma preventivamente rosolato al forno: sapore particolare che ti accarezza il palato, delicato, poco piccante, poco anche il colore rosso, aglio in essere (lasciato nel piatto!) da primato, degustato senza “Forma”: voto 8,5.
A seguire “Gamberi scottati su crema di patata viola e petali di fiori”: buonissimo il gambero di alta qualità, perfettamente cotto e adagiato su questa purea di vellutata violacea, ottimo cui do un voto di 9,5. Ecco una chicca cioè il Maialino cotto a bassa temperatura con senape casalinga: buonissimo, voto 10. Il dolce, un po’ salato, sono delle fragole al gelato allo zenzero, una specialità dello Chef: buonissimo. Tutto il loro menù è degno di attenzione. Se capiti a Carpi vai a toccare con mano.

Dimensione del locale: 45 coperti più veranda estiva, anche riscaldata.
Direzione/Chef: proprietario Marcello Fantuzzi; Chef e Direttrice: Mimma Flagello; Chef Matteo Graziani; Matteo Monte.

Target del locale $$$: medio.
Descrizione Menù.
– Antipasti: Cappuccio di seppie; Tartare di tonno marinata con salsa Teriyaki (giapponese) con crema all’avocado (chicca golosa); Culatello; Burrata con concassè di pomodoro e chips all’origano; Panzanella! (Buonissima).
– Primi piatti: Gnocchetti alla crema di baccalà; Tagliatelle al Tartufo; Paccheri al branzino pomodorini e granella pistacchio; Spaghetti alla chitarra gamberi pesto basilico e pachino; Tortelli di ricotta e spinaci con burro al timo e ricotta salata; Lasagnetta alle verdure croccanti con pane carasau e semi di zucca tostati (tutti di valore).
– Secondi piatti: Latterini (pesciolini di acqua dolce, non sono i bianchetti, Ndr) fritti; Maialino alla senape a bassa temperatura; Gamberi scottati su crema di patata viola e petali di fiori edibili; Cruditè di verdure alla catalana con tentacoli di calamaro alla griglia; Tagliata di manzo con rucola e parmigiano 24 mesi; Girella di pollo ripiena al pollo e pomodorini confit caramellati; Humus di ceci con foglie al forno e carotine stufate (tutto di valore).
– Contorni: verdure alla griglia; Spinaci ripassati al peperoncino; Misticaza.
– Nel Cestino: pane di loro produzione (ottimo).
– I dolci: Mousse di Caffè al formaggio fresco; Fragole al gelato di Zenzero (voto 10 e lode); Tirami su; Mascarpone alle scaglie del cioccolato; Zuppa Inglese; Crème Caramel (tutti di pregio).
– Caffè/Invecchiati o “Infiammabili”: buona scelta.
– La Cantina. Etichette/Carta dei Vini?/Che Acqua c’è? In cantina una settantina di etichette. Acqua in vetro, buona.
– Olio/Aceto, spezie: ottima scelta.
– Note sul menù e piatti consigliati: Pesce.
– Eventuali miniere gastronomiche: maialino cotto a bassa temperatura.

Verdetto finale:
Location (il posto in esterno): 9
Ambiente (il Locale): 8,5
Servizio: 9
Voto globale Menù: 8-10

– Locale del Cuore? Si
– Fa il PL: Pranzo Lavoro? Si, da 8 euro in su.
“Sulla Porta”: il locale vanta le Targhe, “Placche”, di queste Guide:
– 4live.it
– “Via Emilia Ristoranti” www.viaemiliaristoranti.it
Puoi provare, in zona, anche questo Ristorante:
– L’Incontro a Carpi
– Cosa c’è da vedere in zona? Carpi, centro storico, il Duomo, Piazza Martiri, il Castello.
– In definitiva: indispensabile per lavoro; ottimo per degustare.
Evidenzio il doppio menù uomo e donna: per il gentil sesso non ci sono i prezzi, una delicatezza per non mettere in imbarazzo la ragazza.

CONDIVIDI
Articolo precedenteTre giovani minacciavano i passanti con una pistola giocattolo, presi e denunciati
Articolo successivoFelici e imperfetti
Sono un 62enne con 40 anni di attività professionale sulle spalle. Per divertimento mi avvicinai alla cucina, poi un magnete mi attirò verso la passione sui Ristoranti. Il caso volle che divenni un segnalatore per la guida di Veronelli, "I Ristoranti di Veronelli". La mia vita professionale mi ha portato a girare Italia e Francia. Sono un curioso che ha sete di notizie. Riservato ed anonimo, sempre!