Cena multietnica Dovadola

La serata è ottima. Un’aria leggera percorre quell’angolo di paese chiuso da vecchie mura e che raccoglie tutti sotto la tribuna (immagine di repertorio). Gli stand dei vari paesi si preparano alle richieste con alcuni dei loro piatti tipici. I più indossano abiti tipici dei loro paesi: Pakistan, Ghana, Spagna, Panama, Marocco, Olanda e Filippine. Bandiere colte in giro per il mondo. Ma non può mancare lo stand tedesco con gli amici gemelli di Hofbieber e la loro birra. Accanto c’è lo stand italico in cui, a Modigliana, non può mancare il kiwi.

Un piatto di riso con spezzatino; due polpette rumene con due fette di pane. Per chiudere con una fetta di dolce panamense. Gli incontri sono tanti. Ci sono modiglianesi, ma anche gente che arriva da Faenza e altri paesi intorno. Una stretta di mano, un saluto cordiale.
Poi l’amico Giuseppe arriva in compagnia di alcuni gemelli. C’è il vicesindaco di Hofbieber, Stefan Frohnapfel, e Georg Ander Molnar il ‘pastore tedesco’. Così si presenta il responsabile della comunità protestante di Hofbieber che parla italiano bene e ci racconta della collaborazione con la comunità cattolica nella sua città.

Stiamo a tavola, l’amico Giuseppe tira fuori anche un volume di cucina. Giunto alla sua seconda edizione lo scorso anno, ha ottenuto il premio Gourmand award concesso dall’azienda che produce il liquore cointreau. Una collaborazione italo tedesca, con ricette in doppia lingua. “L’idea di questo libro – spiega Georg – è quella per cui mangiare insieme promuove l’amicizia. Per conoscerci meglio occorre sapere dove si è nati, dove si vive, e poi come e cosa si mangia. E a questo servono anche tutte le iniziative di gemellaggio con frequenti scambi di cittadini”. Poi saluta don Massimo e lo invita in Germania a fine estate.
Allora occorre mettere in agenda il prossimo appuntamento: dal 29 agosto al 2 settembre a Hofbieber. Giuseppe (347 6485722) e Serena (320 7979503) raccolgono le adesioni in Acquacheta.