Felici e imperfetti

0

Titolo: Felici e imperfetti. Autrice: Eva Millet. Genere: Saggio di pedagogia.
Trama – La scrittrice sottolinea che i genitori nella società di oggi sono iperprotettivi nei confronti dei propri figli. Credono che condividere tutto con loro renda una vita più facile, invece secondo lei toglie loro la possibilità di sbagliare e quindi di crescere. Inoltre spesso proiettano sui figli i propri sogni mancati, senza tenere conto della loro volontà. È un libro che denuncia apertamente la mancanza di genitori ‘perfetti’ che vedono i figli come persone da aiutare completamente senza lasciare spazio decidere e crescere. Inoltre denuncia la mancanza di una famiglia stabile e patriarcale come c’erano una volta. Poi conclude che forse è meglio essere meno perfetti, ma più felici.

Ne consigliamo la lettura a tutti coloro che pensano di voler migliorare il loro ruolo di genitori, in quanto pensano di essere già perfetti così.
Note sull’autrice – Eva Millet nasce a Barcellona nel 1968. Giornalista laureata in scienze della formazione, presso l’UAB, si è affermata in Spagna come una delle voci più autorevoli in ambito pedagogico.

Loretta e Giovanna

CONDIVIDI
Articolo precedenteRistorante La Mistica
Articolo successivoAlla Fiasca Vince & the Rebels in concerto, blues e rockabilly
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).