Fumettoteca-Alessandro-Callegati-Calle-Donazioni-Fumetti-2019

In occasione della “Giornata internazionale contro il consumo e il traffico illecito di droga”, mercoledì 26 giugno, dalle ore 14,00, alla Fumettoteca Alessandro Callegati Calle” c’è la proposta per una iniziativa di sensibilizzazione con l’esposizione consultabile dal titolo “Fatti di Fumetto“, un gioco di parole per ricordare che ognuno nella nostra società può essere promotore di un cambiamento, sia personale che sociale. I temi dei vari fumetti sono strettamente legati alle situazioni di dipendenza, con l’obiettivo di mettere a disposizione la propria documentazione e competenze per sensibilizzare i diversi target interessati. Il World Drug Day vede le proposte di titoli dei vari albi come “Schiava della Droga”, “Eroina per Ginko”, “Guerra alla droga”, “Sulla via della droga” per citarne alcuni tratti dalla “stupefacente” collana di Diabolik, altri personaggi “neri” hanno seguito l’esempio con “Febbre di droga”, “Dossier droga” da Kriminal, e altri personaggi legati alla dipendenza come Dylan Dog ex alcolizzato, senza dimenticare che anche alcuni supereroi hanno avuto i loro problemi di dipendenza, fino ad esserci, ovviamente, la produzione di Andrea Pazienza. Fumetti in omaggio per il pubblico.

La 33° Giornata Mondiale di Lotta alla Droga, istituita dall’Assemblea delle Nazioni Unite, vede in quel di Forlì una piccola iniziativa che mira ad informare, sotto un aspetto atipico, per sostenere la prevenzione dell’abuso di droghe e a promuovere investimenti nel benessere della comunità. Con la Risoluzione 42/112 del 7 dicembre 1987, l’Assemblea Generale ha scelto il 26 giugno per celebrare la Giornata internazionale contro l’abuso e il traffico illecito di droga, affermando la sua determinazione nel rafforzare l’azione e la cooperazione a livello nazionale e internazionale per combattere questi fenomeni. Per rafforzare la lotta al traffico di droga, nasce nel 1997 l’Ufficio dell’ONU contro la Droga e il Crimine (United Nations Office on Drugs and Crime –UNODC) creato dalla fusione del Programma di Controllo sulla Droga delle Nazioni Unite e dal Centro per la Prevenzione del Crimine Internazionale.

Di settimana in settimana proseguono a ritmo incalzante, le proposte in calendario previste per il 2019 dalla neo-Fumettoteca, per presentare e far conoscere la vastità dell’editoria fumettistica nazionale. Si tratta, senza alcun dubbio, di proposte che per la città di Forlì, si dimostrano, a ben diritto, innovative ed eccezionali, visto il rapporto che la città ha avuto fino ad ora col fumetto. La Fumettoteca Alessandro Callegati “Calle” grazie al supporto del Centro Nazionale Studi Fanzine – Fanzinoteca d’Italia 0.2, prosegue con i suoi servizi e progetti che la “Biblioteca dei fumetti”, tutto realizzato in veste di volontariato, è disposta a mettere in campo per tutti gli interessati, consigli e lezioni di fumetto, Corsi, Incontri e supporto per Tesi di Laurea, con il progetto Giovani youngERcard diamo spazio alla volontà di volontariato per chiunque lo desideri fare. Per conoscere dettagliatamente le iniziative e chiedere informazioni 339 3085390, fumettoteca@fanzineitaliane.it – www.fanzineitaliane.it/fumettoteca.

CONDIVIDI
Articolo precedenteUn mix di Shakespeare e Carrà, torna il musical "Rumore molto… e per nulla!"
Articolo successivoDi Maio: "Laboratorio di Bioscenze Irst sia di stimolo per completare la rete oncologica romagnola"
Esperto e attento ricercatore dei linguaggi giovanili, in particolare modo il linguaggio veicolato dalla produzione dell'editoria indipendente giovanile, con alle spalle studi di Tecnico Operatore Sociale è da oltre un decennio impegnato nella ricerca, studio e lavoro inerente alla produzione dell'editoria fanzinara nazionale. Filologo e storico delle fanzine italiane è autore di varie pubblicazioni e numerosi articoli, saggi, cronologie e bibliografie diffuse su periodici ufficiali ed amatoriali, riviste specializzate e webzine, un operato che testimonia il suo interesse per lo studio, la ricerca e la documentazione relativa all'universo, agli autori e alla produzione fanzinara. A questi prodotti amatoriali realizzati dal 1977 al 1997 ha dato alle stampe il primo, e finora unico, lavoro di catalogazione pubblicato in Italia. Coordinatore e organizzatore, nonché docente, di Workshop, Corsi, Seminari rivolti al mondo dell’editoria fanzinara italiana, svoltisi con successo in varie città, eventi che hanno sempre riscosso notevole interesse da parte dei partecipanti.