Festa Artusiana Fiorimpopoli

Cosa c’è dietro un buon piatto? Tutti i segreti relativi alle preparazioni culinarie e al loro background storico e della tradizione sono i protagonisti della quinta giornata di Festa Artusiana, che si apre mercoledì 26 giugno alle ore 19,00 con l’APP-eritivo nella Corte di Casa Artusi. Ospite della serata sarà il Premio Marietta ad honorem 2007 Luisanna Messeri, che presenta il suo libro La cucina del Casale (Rai Libri, 2018). Messeri ha scritto questo volume dopo aver dedicato una lunga carriera a valorizzare ingredienti e sapori della cucina italiana. Come nella migliore tradizione artusiana, il libro, alle preparazioni accosta consigli, aneddoti, informazioni, “trucchetti” in un grande racconto che ha il sapore di una serata passata a chiacchierare in compagnia. In fondo, come si legge nelle pagine, “in cucina, basta un po’ di passione, buonsenso, dedizione” secondo la filosofia per cui “la semplicità è un punto di arrivo”. La cucina del Casale è uno scrigno gastronomico dedicato alle future generazioni, quelle che aspirano a un futuro migliore, per chiudere magicamente il cerchio con la tradizione. A dialogare con l’autrice, Antonio Tolo, responsabile della Biblioteca Pellegrino Artusi.

Sempre a proposito di cibo come cultura, alle 21,00 nella Chiesa dei Servi a Casa Artusi, lo scrittore e gastronomo Graziano Pozzetto presenta il secondo volume della “Enciclopedia gastronomica della Romagna” (Il Ponte Vecchio editore, 2018). Il libro è il secondo di tre volumi nati per raccogliere e riassumere l’intera esperienza del maggior esperto della civiltà enogastronomica della Romagna. Pozzetto racconta nei dettagli l’essenza della nostra terra, la sua gente e la civiltà del mangiare: un’opera di divulgazione dei migliori prodotti della nostra terra, anche quelli dimenticati e poi riscoperti. A presentare la serata sarà il presidente dell’Accademia Artusiana Maurizio Artusi. Il tutto si concluderà con una degustazione di prodotti romagnoli, curata da Miro Mancini, consigliere dell’Accademia Artusiana e Premio Marietta 2013 ad honorem.

Alle 18,30 da Casa Artusi (via Costa, 27) parte la visita guidata alla scoperta degli ambienti tanto cari al gastronomo Pellegrino Artusi: la Chiesa dei Servi, la Biblioteca e l’Archivio della corrispondenza personale di Pellegrino Artusi, la Biblioteca di Gastronomia Italiana e la Scuola di Cucina (ingresso 3,00 a persona, bambini 0-12 anni e cittadini forlimpopolesi gratuito).

Dalle ore 19,00 via Sendi si anima con il mercatino dei prodotti delle Cooperative di Libera Terra. Presente anche la mostra delle illustrazioni di Francesco Domenico Mazzoli dedicate a “Giuseppe Letizia”, con il racconto dei ragazzi del Consiglio Comunale dei Ragazzi di Forlimpopoli. E ancora, sarà presente la Cooperativa Terre di Puglia con il socio Francesco Gigante: storie di sacra corona unita, di quarta mafia, di mafia foggiana.
Anche mercoledì dalle 20,00 in via Costa sarà attivo il punto informativo della seconda edizione del percorso partecipativo di Rigenerazione Urbana. Presenti operatori e tecnici che illustrano ai cittadini alcuni progetti elaborati dagli studenti del Laboratorio di Urbanistica della Facoltà di Architettura “Aldo Rossi” di Cesena. Alla Festa sono sistemati alcuni box per la raccolta delle idee relative alla strategia di rigenerazione e, più in generale, delle idee per la città.

Alle 20,00 al Maf – Museo Archeologico di Forlimpopoli “T. Aldini” inizia la visita guidata L’alimentazione nell’Italia antica, percorso alla scoperta dei cibi e dei modi di vivere la convivialità dalla Preistoria al Rinascimento, a cura di RavennAntica – Fondazione Parco Archeologico di Classe (la visita guidata si ripeterà anche alle 21,00 e alle 22,00).
Tante proposte per tutti i gusti all’insegna della tipicità. A partire da La Città dei sapori che propone I sapori della Romagna Toscana in tavola con assaggi di salame romagnolo e primo piatto al ragù, arricchito dal buon vino delle terre della Romagna Toscana. La proposta arriva dal consorzio CastrumCari in collaborazione con il ristorante La Cantinaza di Castrocaro. Il Comitato Gemellaggi di Bertinoro propone alcuni piatti del territorio con vino in abbinamento, mentre nello stand della Pro Loco di Carpenedolo è possibile degustare i prodotti tipici della località: i malfatti, la torta secca e la pesca dolce, accompagnati dal vino bianco Lugana del Lago di Garda. La Pro Loco di Civitella cucina la tradizionale piada fritta accompagnata da affettati e formaggi, oltre alle ciliegie di Civitella e al vino della Tenuta Pertinello.

Tortelli alla lastra e rotolini farciti si possono assaggiare nello stand della Piadineria Il Biancomangiare, mentre il Ristorante La Grotta di Bertinoro propone garganelli al sugo di coniglio e asparagi, strozzapreti al guanciale e scalogno saltato con pecorino di fossa, in abbinamento al vino della cantina Campo del Sole.
L’Osteria I Poveri Diavoli e l’Osteria Sottomarino Giallo propongono crostini con crema di patate, alici e radicchio oltra a strozzapreti dell’Adriatico con filetto di mazzola, pomodoro fresco e misticanza. Infine, dagli Agriturismi L’Antico Frutto e Agriturismo I Fangacci la proposta di tagliatelle al ragù di vacca romagnola e scottiglia (tipico piatto toscano a base di carni miste).

Sono sette gli appuntamenti in programma. Si inizia alle 19,30 in Piazzale Paolucci De Calboli con Fuori menù un laboratorio di cucina per bambini (a numero chiuso) realizzato in collaborazione con l’Associazione delle Mariette per sensibilizzare le giovani generazioni alla figura di Pellegrino Artusi. Alle 21,00 in via Costa spazio a musica in movimento e trampoli con Favorite dopo cena Trio (il bis alle 22,00), mentre alle 21,30 in Piazza Pompilio arriva la musica piena di energia dei Del Barrio Trio, formazione italo-argentina. Alle 21,15 e alle 22,15 via Veneto si anima con le acrobazie, il contorsionismo e il circo teatro Cronopia Contorsiones nello spettacolo Maromas, è riservato ai più piccoli invece l’appuntamento con L’Artusina, ricette per crescere felici al Fossato della Rocca: il bellunese Paolo Rech metterà in scena i burattini della tradizione veneta nello spettacolo Arlecchiante: ovvero quant’è brutta la fame.

Due gli eventi di Foodstock in Artusijazz, sempre nel cortile Berta e Rita: ore 21.30 le Musiche alla fine di un sogno di Francesco Giardinazzo, alle ore 22 Giovanni Falzone Border, trio dedicato a Woodstock one day more.
Tra gli eventi collaterali c’è la Podistica della Festa Artusiana, corsa non competitiva giunta alla sua dodicesima edizione, curata da A.S.D. Polisportiva Azzurra Forlimpopoli in collaborazione con l’Assessorato allo Sport del Comune di Forlimpopoli. Il punto di ritrovo è alle 18,30 al Parco Urbano “L. Lama” di via Piero Camporesi per la corsa libera, mentre partirà alle 20 la corsa di gruppo. Sempre alle 18,30 è prevista la partenza dei bambini con categoria E (2012-2013), a seguire tutte le altre. Il percorso, che sarà un misto collinare per gli adulti e uno sterrato pianeggiante per i bambini, prevede una quota di iscrizione di 2,50 euro per gli adulti e 2 euro per i bambini. Informazioni: 338 8503802 (Massimo).