A Rosaria Tassinari l’assessorato al welfare

0

Mi sento molto onorata di essere stata chiamata dal sindaco di Forlì, Gian Luca Zattini, a fare parte della giunta comunale con la delega al Welfare e alle Politiche per la Famiglia. M’impegnerò soprattutto per le persone più deboli nei vari settori e delle loro famiglie. M’impegnerò per le politiche per la famiglia, che sta attraversando una grave crisi epocale, ma che resta ancora la cellula della società e una delle più grandi risorse della società nel suo complesso” scrive in una nota Rosaria Tassinari.

Lo farò con tutta la passione civile e umana di cui sono capace, come ho sempre cercato di fare nel mio ruolo di amministratore pubblico, specialmente come sindaco di Rocca San Casciano negli ultimi dieci anni. In questo ultimo decennio, dalla crisi economica mondiale del 2008, sono cambiate molte cose nello Stato sociale, anche in Italia e a Forlì sono calate le risorse e sono aumentati i bisogni; crescono le diseguaglianze e le povertà; molte famiglie e persone hanno sofferto pesanti arretramenti nel proprio tenore di vita” continua l’ex sindaco di Rocca San Casciano.

Sono solo alcuni accenni alle sfide che mi stanno davanti nell’affrontare le migliaia di situazioni concrete di forlivesi che si trovano in difficoltà per problemi di salute, di disabilità, di povertà e di qualsiasi situazione relativa allo stato sociale. Dopo un primo periodo necessario per fare una fotografia della situazione esistente, dovrò subito mettermi al lavoro per capire, per ascoltare, per dialogare e alla fine per decidere le complesse e nuove sfide dello stato sociale. La mia non sarà un’attività isolata e solo personale, ma di collaborazione con il sindaco, la giunta e il consiglio comunale da una parte, e dall’altra con tutte le istituzioni pubbliche, gli enti e le associazioni di categoria, del terzo settore, del mondo cattolico e del volontariato, per cercare di raggiungere al meglio, con l’aiuto di tutti, il bene comune delle persone più in difficoltà della nostra cara Forlì” conclude Rosaria Tassinari.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO