Visita alla mostra di Faenza sulle civiltà antiche

0

Siamo andate a vedere a Faenza al Museo Internazionale delle ceramiche una mostra su atzechi, maia, inca e le civiltà precolombiane, risalenti al 1500 a.C. circa. Facendo un percorso tra ceramiche, anche sacre. Abbiamo visto di tutto; dai giochi per i bambini ai gioielli e altri oggetti sofisticati di queste civiltà.

La mostra espone tantissimi oggetti che provengono da collezioni italiane private che raccontano la conquista dell’America vista dalla parte dei vinti, facendo intravedere civiltà molto evolute, seppure antiche.

La mostra è sapientemente suddivisa in varie sale, per argomento, come ad esempio l’Estremo Oriente con Cina, Giappone e sud est asiatico. È presente anche una ricca ed interessante biblioteca storica, un laboratorio di restauro ed uno didattico. È stata allestita in modo leggero e scorrevole pur trattando eventi importanti. Insomma la si visita in modo piacevole ed interessante e non risulta affatto pesante.

Loretta e Giovanna

CONDIVIDI
Articolo precedenteZattini e Tassinari: “Prodotti a Km zero nelle mense scolastiche”
Articolo successivoMarabini (ApF): "Occorre ridare slancio alla macchina del Comune"
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).