Frana-a-Valdinoce

Riceviamo e pubblichiamo la segnalazione di un nostro lettore.
L’Amministrazione è latitante, la porta del sindaco di Meldola Gian Luca Zattini è chiusa a chiave, i dipendenti del settore tecnico si permettono il lusso di essere sgarbati coi cittadini che chiedono aiuto”. La denuncia è del meldolese Giorgio Cedioli, 70 anni, imprenditore agricolo di Valdinoce, che venerdì mattina si è rivolto agli amministratori perché le forti piogge hanno causato una frana nel manto stradale impedendo l’accesso alla sua azienda (in foto).

La strada era in cattive condizioni già da due anni e – spiega Cedioli – nonostante i numerosi appelli solo ora, in periodo elettorale, sono intervenuti dieci giorni fa a riasfaltare, senza fare però un’opera di consolidamento. Ora la voragine è più grande di prima e la strada è stata chiusa al traffico”. L’imprenditore meldolese per raggiungere i suoi terreni deve necessariamente cambiare itinerario, da Valdinoce deve scendere verso Meldola, risalire per l’abitato di Teodorano, proseguire verso Monte Cavallo per arrivare di nuovo a Valdinoce dalla parte opposta; un percorso comunque impraticabile con le auto, mezzi pesanti e trattori. Lo stesso vale per il bus delle scuole elementari.

Per questo mi sono rivolto all’ufficio tecnico evidenziando il problema – dice – e mi sono sentito rispondere che finché è operativa l’allerta della Protezione Civile non è possibile intervenire”. Indispettito dai toni poco cortesi del dipendente comunale l’imprenditore ha bussato alla porta del sindaco. “In questi ultimi mesi succede spesso che la sua porta sia chiusa a chiave visto che è in campagna elettorale a Forlì, ma proprio per questo dovrebbe esserci una figura di riferimento in sostituzione come il vice sindaco Anna Vallicelli o l’assessore alle frazioni Cristina Bacchi che in dieci anni di governo si è vista a Valdinoce solo per cercare voti. La prossima settimana – conclude – devo iniziare la sfalciatura del fieno e come farò a passare coi trattori?”. Cedioli non è l’unico abitante della piccola frazione ad aver subito lo smottamento e il disagio della viabilità, altri cittadini e imprenditori sono isolati e attendono la corretta