Fumettoteca-Alessandro-Callegati-Calle-Inaugurazione

Il nuovo spazio, recentemente inaugurato al Circolo Arci Eugenio Curiel, via Livornese a Pisa, prende avvio dalla considerazione che i fumetti fanno più bene che la ludopatia, ed è proprio il caso di dirlo, “il gioco è fatto!”. La Fumettoteca Alessandro Callegati “Calle”, visto il lodevole e socialmente valido impegno, ha immediatamente preso contatto con i responsabili, come Alberto Madrigali del Comitato Arci di Pisa, e, grazie alle tantissime donazioni ricevute, ha riempito vari scatoloni di copie doppie, come Tex, Topolino, per circa 500 fumetti, da poter donare all’incontro che si terrà con la Fumettoteca pisana, sabato 1 giugno 2019.

Non è molto ma è sincero e, di certo, è l’avvio di un percorso che può proseguire nel migliore dei modi, se poi si considera anche che proprio alla porta accanto dei locali della Fumettoteca emiliana romagnola si trova la sede degli Anonimi Giocatori per la provincia di Forlì, il cerchio si chiude. Quindi, dopo l’approvazione della legge regionale per il contrasto al gioco d’azzardo, nascono e si moltiplicano le iniziative per creare l’alternativa alle slot machine da bar e circoli ricreativi, in questa nuova logica, il Circolo Arci dell’Associazione Curiel di San Piero a Grado, nel Pisano, ha pensato di attivare un contesto più produttivo ed attivo, soprattutto per la mente. Ed ecco pronta la sede della neo-fumettoteca e con essa anche la partecipazione e il sostegno che merita tale iniziativa, a tale scopo la Fumettoteca Alessandro Callegati “Calle”, sempre con la collaborazione del Comitato di Quartiere Ca’Ossi, non si tira indietro!

Il fumetto è, da sempre, un mezzo per parlare di attualità, scienza, tematiche sociali e divertimento, ecco perché uno spazio di confronto e di diffusione per l’energia creativa che una Fumettoteca è in grado di generare non la si può riscontrare in alcun altra realtà similare. Un luogo dove appassionati, lettori, fumettisti emergenti possano incontrare grandi professionisti del settore e contaminarsi reciprocamente, che sia volano di idee, per la cultura del territorio, ma anche per lo sviluppo economico di attività produttive di tipo formativo, culturale ed imprenditoriale collegate al mondo dei fumetti.

E anche per il mese di maggio sono proseguite le donazioni, infatti la Fumettoteca regionale dell’Emilia Romagna ha ricevuto in omaggio dalla Casa Editrice Astorina, editore di Diabolik, l’intera collana di 100 volumi di Nero su Nero, oltre ad aver ricevuto da altri forlivesi varie collezioni intere di cartonati pubblicati nell’anno corrente. La partecipazione sentita e dimostrata, sia dai forlivesi che da tutta Italia, ha permesso alla sede fumettotecaria di ampliare del doppio lo spazio in soli 3 mesi di attività. Lo Staff Fumettoteca ringrazia tutti coloro che si sono mossi per rendere più corposo e variegato il contenuto fumettistico da proporre ai lettori e avvisa che, per coloro che desiderano donarci i propri fumetti, è sufficiente mettersi in contatto con noi.

Una fervida e dinamica attività sempre a vantaggio dei lettori che, in solo questi primi 3 mesi dall’inaugurazione, hanno avuto un aumento mensile del 45%, con ovvio relativo aumento delle consultazioni e prestiti. Quindi un grazie a tutte le persone in grado di comprendere come a ben poco possono servire fumetti inscatolati e tenuti ad ammuffire in cantina oppure impolverarsi in solaio.La Fumettoteca Alessandro Callegati “Calle” grazie al supporto del Centro Nazionale Studi Fanzine – Fanzinoteca d’Italia 0.2, propone tanti servizi e progetti, messi in campo dalla “Biblioteca dei fumetti”, per tutti gli interessati, consigli e lezioni di fumetto, Corsi, Incontri e supporto per Tesi di Laurea, con il progetto Giovani youngERcard diamo spazio alla volontà di volontariato per chiunque lo desideri fare. Per conoscere dettagliatamente le iniziative e chiedere informazioni fumettoteca@fanzineitaliane.it – www.fanzineitaliane.it/fumettoteca.

CONDIVIDI
Articolo precedenteCosa sono gli oneri di sistema che finiscono nelle nostre bollette?
Articolo successivoGiornata mondiale senza tabacco
Esperto e attento ricercatore dei linguaggi giovanili, in particolare modo il linguaggio veicolato dalla produzione dell'editoria indipendente giovanile, con alle spalle studi di Tecnico Operatore Sociale è da oltre un decennio impegnato nella ricerca, studio e lavoro inerente alla produzione dell'editoria fanzinara nazionale. Filologo e storico delle fanzine italiane è autore di varie pubblicazioni e numerosi articoli, saggi, cronologie e bibliografie diffuse su periodici ufficiali ed amatoriali, riviste specializzate e webzine, un operato che testimonia il suo interesse per lo studio, la ricerca e la documentazione relativa all'universo, agli autori e alla produzione fanzinara. A questi prodotti amatoriali realizzati dal 1977 al 1997 ha dato alle stampe il primo, e finora unico, lavoro di catalogazione pubblicato in Italia. Coordinatore e organizzatore, nonché docente, di Workshop, Corsi, Seminari rivolti al mondo dell’editoria fanzinara italiana, svoltisi con successo in varie città, eventi che hanno sempre riscosso notevole interesse da parte dei partecipanti.