Daniele-Mezzacapo-Lega-Forlì

Secondo Daniele Mezzacapo, consigliere comunale della Lega, candidato vicesindaco nel centrodestra, il sistema Alea va subito cambiato. “Conti alla mano – dice Mezzacapo – i cittadini spenderanno molto più. Non solo i loro, ma anche le aziende pagheranno lo scotto maggiore. Sono tanti in questi giorni gli imprenditori che hanno capito, purtroppo tardivamente, perché con Alea si è firmata una cambiale al buio visto che non si conoscevano le tariffe che spenderanno somme assurde per smaltire i loro rifiuti. Gli imprenditori i conti li sanno fare e molti di questi si stanno organizzando per gestire la raccolta in maniera privata per poter ridurre il pesante carico dei costi“.

Noi crediamo – continua il leghista – che chi vuole amministrare nel vero interesse dei cittadini, deve compiere ogni sforzo per alleggerire il peso del funzionamento della macchina amministrativa e operare un severo controllo nei confronti delle aziende che erogano servizi al cittadino come acqua e rifiuti“.

Tutto questo, a Forlì, non è stato fatto, e noi crediamo – dice l’espondente del Carroccio – che la tendenza vada invertita immediatamente. Occorre ripensare da subito tutto il sistema che ci è stato imposto e che è destinato comunque a fallire nonostante i costi per tutti siano aumentati enormemente. Alea è una società voluta fortemente dal Partito democratico che è riuscito ad imporla alla maggioranza dei comuni del forlivese che sono visti costretti ad aderire. Ad alcuni di questi Comuni più piccoli il progetto che io non ho votato, era stato dipinto in maniera totalmente diversa, ma abbiamo capito fin da subito che questo carrozzone mal gestito e organizzato dai costi esorbitanti non poteva andare. E ora abbiamo la certezza che è già un fallimento per i cittadini che lo capiranno bene quando arriveranno le bollette Alea. Fermiamo questo disastro prima che crei troppi danni“.