Daniele-Vergini-Movimento-5-stelle

Il Movimento 5 Stelle di Forlì ringrazia pubblicamente Paolo Contò per il lavoro fondamentale che ha svolto in questi anni nel forlivese nella sua qualità di direttore di Alea ambiente e che lo scorso 10 maggio ha salutato il nostro territorio con un racconto emozionante sulla nascita e lo sviluppo di questa epocale trasformazione nella raccolta dei rifiuti urbani con l’introduzione del Porta a Porta. Diamo inoltre il benvenuto al nuovo direttore di Alea ambiente, appena nominato, Paolo Di Giovanni. Auspicando che nel prossimo futuro possa dare prova di autonomia, indipendenza e capacità gestionale nel proseguire il lavoro avviato” si legge in una nota di Daniele Vergini candidato sindaco.

In questa occasione ci preme rendere evidente che come Movimento 5 Stelle di Forlì siamo, da sempre, favorevoli alla raccolta “porta a porta” dei rifiuti urbani e assimilati e alla introduzione della “tariffa corrispettiva” cosiddetta “puntuale”. Per noi del M5S il modello di riferimento, a livello nazionale, è quello adottato dal consorzio Priula nel trevisano gestito dalla società pubblica Contarina, dato che questa proposta è parte sostanziale del “Contratto di Governo” del Paese. Il Consorzio Priula e Contarina hanno accompagnato la transizione nel forlivese e quindi anche a loro va il nostro ringraziamento. A Forlì, come gruppo consiliare del M5S, siamo stati anche i primi a proporre al Consiglio Comunale l’approvazione della delibera “dieci passi verso rifiuti zero” che ci venne bocciata dalla maggioranza di centro sinistra e solo recentemente da loro riproposta quasi uguale, delibera che coerentemente abbiamo votato a favore” ribadisce il pentastellato.

È comunque doveroso per noi del M5S ribadire che le scelte politiche effettuate dalle amministrazioni comunali locali, prima e durante questo doveroso e necessario cambiamento, sono state criticabili in molti aspetti primo fra tutti la scelta inadeguata di introdurre il porta a porta in tempi eccessivamente rapidi che ha messo a dura prova la pazienza di tanti cittadini e imprese forlivesi. Inoltre ancora oggi, a circa dieci giorni dalle elezioni comunali, sono ancora irrisolte numerose criticità fra cui la mancata pubblicazione delle tariffe da parte dell’ente regionale Atersir e dei dei comuni soci di Alea Ambiente. Mancanze e lacune che potevano essere meglio affrontate con più tempo a disposizione se l’ingerenza dei partiti al governo delle nostre città non avesse condizionato, per ovvie ragioni elettorali, il percorso di trasformazione del sistema di gestione. Pertanto ribadiamo che, se i forlivesi ci porranno al governo della città, troveremo un rimedio a tutti questi disservizi con la massima priorità, trasparenza e condivisione con i cittadini e le imprese del territorio” conclude Daniele Vergini.