CASA ARTUSI ingresso

Al Ristorante Casa Artusi in via Costa 31 a Forlimpopoli prende il via giovedì 16 maggio alle ore 19,30 la rassegna IncontrArti, progetto a cura di JoLi’ & Co. che unisce pittura e musica, dando vita a un piacevole dialogo tra performance artistiche.
Per cinque giovedì l’aperitivo del Ristorante Casa Artusi ospita una doppia performance di musica e pittura che vedrà alternarsi sul palco nei diversi appuntamenti i gruppi JoLi & Co trio acustico e Unusual Trio per un viaggio tra le avvolgenti sonorità pop, blues, jazz e sudamericane. Ad intrecciarsi con le trame acustiche sono le forme e i colori delle opere di quattro artisti: Marcello Di Camillo (16 maggio), Barbara Spazzoli (23 maggio), Grota (30 maggio) e SimoneDavid (6 giugno) di cui si potranno ammirare le creazioni, assistendo durante l’evento a un coinvolgente momento live. Gran finale giovedì 13 giugno con la partecipazione di tutti gli artisti protagonisti della rassegna. Cinque aperitivi all’insegna dell’arte che delizieranno l’intelletto e il palato combinando le performance live con le proposte enogastronomiche del Ristorante Casa Artusi, dalla selezione di vini di qualità alle squisite bontà proposte in abbinamento.

La rassegna si apre giovedì 16 maggio con la musica del trio acustico JoLi’ & Co. composto da Licia Spazzoli (voce), Giorgia Venditto (voce) e Marco Franchini (voce e chitarra) e il talento creativo di Marcello Di Camillo, artista forlivese e fondatore della cooperativa “Casa del Cuculo”. Dai murales ai dipinti su lamiera, l’arte di Marcello Di Camillo dialoga con molteplici materiali e location, distinguendosi per personalità ed efficacia comunicativa.

Si prosegue giovedì 23 maggio con la musica di Unusual Trio composto da Licia Spazzoli (voce), Giorgio Fabbri (chitarra) e Marco Lazzarini (sax) accompagnati dai cuori della pittrice Barbara Spazzoli; giovedì 30 maggio spazio all’arte vivace e originale di Grota e alla musica di JoLi & Co., con Licia Spazzoli e Giorgia Venditto accompagnate dalla chitarra di Costa Cervone mentre giovedì 6 giugno l’arte del pittore surrealista SimoneDavid si intreccia con l’atmosfera avvolgente dell’Unusual Trio; il 13 giugno la rassegna si chiude con un gran finale, alla presenza dei quattro pittori protagonisti del progetto, per una serata corale all’insegna di arte e musica. In caso di maltempo l’evento si terrà in OsteriArtusi. Informazioni e prenotazioni: Ristorante Casa Artusi via A. Costa 31 tel. 0543 748049.

JoLi & Co. trio acustico. Un viaggio attraverso i brani più celebri di oltre mezzo secolo di storia musicale, declinati in una proposta inedita e sempre raffinata. JoLi & Co. nasce nel 2017 dall’incontro tra Licia Spazzoli e Giorgia Venditto, i cui percorsi musicali si intrecciano in un progetto acustico ricercato, avvalendosi della collaborazione di più musicisti. Ad accompagnare le voci armonizzate delle JoLi sarà il 16 maggio e 13 giugno il chitarrista Marco Franchini (voce e chitarra) mentre il 30 maggio sarà la chitarra di Costa Cervone a dialogare con le due cantanti. Anima e buon gusto, armonie vocali e delizie acustiche, unite in una esperienza musicale intensa e coinvolgente.

Unusual Trio: Licia Spazzoli (voce), Marco Lazzarini (sax), Giorgio Fabbri (chitarra).
Musicisti provenienti da diverse formazioni ed esperienze musicali si uniscono in questo trio acustico “inusuale” e proprio per questo originale nei suoni, interpretazioni e arrangiamenti. Un repertorio che spazia tra i più famosi standard jazz, latin, pop e le colonne sonore conosciute. Giorgio Fabbri, polistrumentista di grande bravura, inizia il suo percorso suonando con Fred Bongusto, incide per artisti famosi e colonne sonore di film western di Ennio Morricone; nel corso della sua carriera suona per Albano, Rita Pavone, Franco Simone a Marcella Bella, Rino Gaetano. Marco Lazzarini è diplomato in clarinetto e insegnante di sax e clarinetto; da anni saxofonista principe di Mirko Casadei, suona anche in varie formazioni jazz swing come il Trio con i fratelli Nanni. Conosciuta come una delle voci più calde del territorio, Licia Spazzoli collabora con alcuni tra i più bravi musicisti della zona spaziando tra diversi generi, dal pop, al blues, al jazz.

Marcello Di Camillo. Diplomato in decorazione pittorica all’Accademia di belle Arti di Bologna, è tra i soci fondatori della società cooperativa “Casa del Cuculo”, con cui svolge laboratori artistici e realizza la direzione artistica di numerosi eventi. Negli anni ha preso parte a molteplici progetti e partecipato a numerose mostre a livello sia locale, sia nazionale. Nel 2004 è tra i partecipanti della prima rassegna nazionale arte giovane “Arte: istruzioni per l’uso” svoltasi a Castrocaro Terme (FC) e figura come attore musicista nello spettacolo teatrale “Madame M” (finalista all’ottava edizione del premio scenario) messo in scena dalla Libera Compagnia Indipendente Sauro Rossi. Nel 2006 è tra i fondatori del gruppo artistico “Mandra” con il quale partecipa alla fiera d’arte “Vernice”; l’anno seguente dà avvio al progetto di affitto di opere d’arte e mostre nelle case realizzando il “Ramingo Festival” e le mostre “La sposa di legno” e “Il baratto”; il progetto ha poi un seguito nel 2010 con Arate Arte, un progetto intento a creare un mercato equo e solidale di opere d’arte.

Barbara Spazzoli. Pittrice e illustratrice forlivese, disegna e dipinge fin da bambina. Le sue opere si caratterizzano per l’immaginario iconico, scandito da ambientazioni romantiche e dai toni delicati. Barbara Spazzoli è conosciuta a livello nazionale per i dipinti con le “Lune” e i “Cuori”, simbolo e veicolo di messaggi, emozioni, pensieri e desideri. Il tocco raffinato del suo pennello e la semplicità dei soggetti trasportano in mondi sognanti e spensierati. Barbara Spazzoli realizza mostre personali in diversi locali del territorio ed è anche illustratrice di libri e quaderni. Nel 2017 apre con l’artista concettuale Massimo Baldini il laboratorio d’arte Quarantotto (via Giorgio Regnoli, 48), dove realizza ed espone le sue creazioni. “Amo ciò che faccio e in ogni tela c’è una parte di me, un momento, un sogno, una ispirazione. Non ho basi accademiche, ma la mia pittura cresce e si evolve con me”.
Franco “Grota” Gianelli, pittore di Predappio Alta, si è imposto a livello nazionale per la vivacità delle sue opere e lo stile inconfondibile. Inizia a dipingere nel 1973 e fin dai primi anni Novanta si fa notare da pubblico e critica per l’originalità dei suoi dipinti, partecipando a numerose esposizioni personali e collettive in Emilia-Romagna e non solo. Nel 2010 dà vita con i pittori Vanni Perpignani e Paolo Vignali al progetto artistico “I Grovignani” con cui realizza mostre e opere a sei mani; nel 2011 partecipa in collaborazione con l’artista Anke Garnet Winkler al video documentario tedesco “Kunst der Kuenste: Sempre Arte!”, dedicato alla vita dei due artisti, progetto che culmina nel 2012 con una mostra congiunta al Museo del Vino di Predappio Alta. Nel 2015 viene selezionato per la mostra “ExpoArteItaliana” a cura di Vittorio Sgarbi ospitata a Villa Bagatti Valsecchi a Varedo; tra gli ultimi progetti nel 2018 la realizzazione delle illustrazioni per il libro “Forli Underground” e la mostra “I presepi di Grota” con dipinti dedicati al tema della Natività.

SimoneDavid. Musicista e pittore meldolese, SimoneDavid nasce a Tizzana, in provincia di Pistoia, dove inizia a dipingere all’età di 8 anni ispirandosi al pittore Fosco Guidi “vicino di casa della nonna”. Si avvicina alla pittura da autodidatta, imparando negli anni da diversi Maestri e lasciando libero sfogo alla creatività. L’altra grande passione di SimoneDavid è la musica, a cui si avvicina grazie all’amicizia con Stefano Lomi del negozio di dischi Pentagramma, molto famoso a Quarrata. Influenzato positivamente da un territorio in grande fermento artistico, segue alcuni corsi di disegno e pittura e si avvicina ai grandi artisti come Salvador Dalì, di cui studia le opere da vicino. I dualismi e l’onirico lo affascinano e lo accompagnano nella ricerca di un modo di pitturare tutto suo, capace di descrivere il sogno, la fantasia o un racconto. Romagnolo d’adozione, SimoneDavid espone in diversi locali del territorio, dove le sue opere conquistano per la semplicità delle forme, le storie sognanti, le atmosfere ironiche e giocose.