ragazza disabile al mare

Il 5 maggio, è stata istituita dall’Onu come giornata europea per il diritto alla vita indipendente delle persone con disabilità. La vita indipendente è un movimento ed una filosofia che nasce a Berkley nel 1972 dalla prima agenzia per la vita indipendente. Da qui partirono i primi tentativi di autodeterminazione e partecipazione alle attività comuni sociali delle persone con disabilità. Avere una vita indipendente significa un’assistenza autogestita tramite un progetto educativo individualizzato e una somma di denaro gestita in prima persona dal diretto interessato.

Avere una vita indipendente non è più un’utopia ma una vera e propria certezza per le persone con disabilità. Cosa potremmo fare noi per rendere accessibile questo diritto a più persone possibile? La Fondazione Opera Don Pippo da anni sta implementando progetti per garantire autonomia e indipendenza alle persone con disabilità.

Un esempio è il progetto “Liberi di” che accompagna giovani adulti nel percorso verso un autonomia possibile. “La differenza tra le persone sta solo nel loro avere maggiore o minore accesso alla conoscenza (Lev Tolstoy)”. Si possono sostenere questi progetti devolvendo il proprio 5×1000 a chi se ne occupa.

Paola Negosanti

CONDIVIDI
Articolo precedente'Forlì Buskers Festival' e 'Run to end polio now 2019'
Articolo successivoPrimi anni '70... entrata al "Giardino d'estate" a Cervia è la foto del mese
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).