chiesa di san giacomo a Forlì

Si è svolta questa mattina, alla libreria Modo Infoshop di Bologna, la presentazione della XVI edizione di Ipercorpo, Festival internazionale delle arti dal vivo, in programma dal 30 maggio al 2 giugno a Forlì – con appuntamenti anche l’8 e il 16 giugno.
Claudio Angelini, Presidente di Città di Ebla, associazione che organizza Ipercorpo fin dai suoi esordi, e co-curatore, insieme a Mara Serina della sezione teatro e danza del festival, ha presentato il tema della manifestazione, “la pratica quotidiana”, rimarcandone prima di tutto la sostanziale attualità. Una “pratica” che il festival vuole sempre più sganciata dal sistema “espositivo” a favore della processualità. Una ricerca di esperienze, quindi, non di forme di spettacolo fine a sé stesso. Quest’ottica “processuale” è pensata per privilegiare elementi di sorpresa, di intimità, per acquisire esperienza nella ripetizione. Elementi che possono rendere un progetto, sia esso teatrale, musicale o artistico, ricco di sorprese e di opportunità di conoscenza. In questo senso, Angelini ha ulteriormente sottolineato l’importanza di un approccio partecipativo, che preveda, sempre di più, il coinvolgimento del pubblico.

Proprio sul tema della partecipazione del pubblico si è inserito l’intervento di Silvia Mei, ricercatrice in live arts, critica teatrale e curatrice dell’Osservatorio sul festival. In questa modalità, Mei ha individuato una delle principali tendenze del teatro del terzo millennio e ha sottolineato come l’esperienza dei laboratori possa e debba diventare occasione per assumere delle competenze.

Davide Fabbri, co-curatore con Elisa Gandini della sezione musica, ha osservato come vivere la musica all’interno di un festival di teatro possa amplificare notevolmente la disponibilità all’ascolto. La pratica quotidiana, in quest’ottica, si spinge a riflettere e ad approfondire le dinamiche sullo studio della musica, dell’esercizio quotidiano.
La quotidianità del lavoro caratterizzerà anche il progetto della sezione arte del festival, a cura di Davide Ferri, dove il lavoro di sei artisti, Federico Pietrella, Nazzarena Poli Maramotti, Alessandro Sarra, Gabriele Picco, Marta Mancini, Bekhbaatar Enkhtur, potrà essere osservato nel suo svolgersi, nella pratica quotidiana dell’atelier dell’artista, come “lavoro in itinere”. La mostra si presenterà come una sorta di work in progress, di luogo aperto, dove i visitatori potranno avvicinarsi alle opere degli artisti mentre questi le stanno effettivamente realizzando.

Maria Cristina Turchi, Responsabile Attività Culturali all’Estero della Regione Emilia Romagna, ha ribadito l’impegno della regione Emilia Romagna, nel sostegno di Ipercorpo, sottolineando il valore educativo di questa esperienza e l’utilità di un progetto come quello delle Masterclass, che creano un dialogo tra le eccellenze teatrali italiane ed estere.
Teatro, danza e video danza, arti visive, musica, nella pratica di quest’anno si trasferiranno nel centro di Forlì, nella suggestiva Chiesa di San Giacomo e dell’Oratorio di San Sebastiano, per permettere i tanto anelati lavori di consolidamento e ristrutturazione della “casa” del Festival, l’Ex deposito delle corriere ATR.

Il programma di Ipercorpo 2019 è curato per teatro e la danza da Mara Serina e Claudio Angelini con la collaborazione di Valentina Bravetti; per l’arte da Davide Ferri con l’assistenza curatoriale di Francesca Bertazzoni e da Davide Fabbri ed Elisa Gandini per la musica. Il progetto è curato da Città di Ebla con il contributo di MIBACT – Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, Regione Emilia-Romagna, Comune di Forlì, ATRIUM- Rotta culturale europea, Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì e in collaborazione con Accademia Perduta/Teatro Diego Fabbri-Stagioni di Contemporaneo e Ipercorpo Family, Romagna Acque – Società delle Fonti, Diagonal Loft Club. Da 14 anni insieme a Poderi dal Nespoli.
Luoghi: Chiesa di San Giacomo Piazza Guido da Montefeltro 12 – Oratorio di San Sebastiano via Maurizio Bufalini – Teatro Diego Fabbri, Corso A. Diaz, 47 – Palazzina di EXATR via Ugo Bassi 16.
Biglietti: danza/teatro:10 € – Concerti: 5 € – Biglietto per tutti gli spettacoli di Ipercorpo Family: 7 €. Informazioni e prenotazioni: tel. 320.8019226 (lun/dom 16.00 -19.00) – biglietteria@ipercorpo.it. http://www.ipercorpo.it | FB. facebook.com/ipercorpo | IG. instragram.com/ipercorpo.