Il saluto ai rocchigiani della sindaca Rosaria Tassinari

0

«Al termine del mio mandato decennale di sindaco, vi scrivo per salutarvi e ringraziarvi. Ho cercato in questi dieci anni, molto importanti per me e per il nostro Comune, di svolgere al meglio il mio ruolo di primo cittadino, pensando sempre al bene comune, per assicurare buoni servizi a tutti i cittadini e alle famiglie, per far crescere lavoro e benessere in questi ultimi anni così difficili, per aiutare tutti e ognuno a sentirsi maggiormente sicuri. Abbiamo cercato di difendere i servizi sociali e sanitari, le caserme dei Vigili del Fuoco e della Polstrada, e non è stato di sicuro facile. Abbiamo svolto molti lavori pubblici di abbellimento del paese, come la piazza, restituendo a voi cittadini il teatro, luogo che avete onorato con la vostra massiccia ed entusiasmante presenza alle rassegne teatrali. Questo è un segnale molto bello, che conferma la grande attenzione verso la cultura dei rocchigiani, anche in un mondo dominato dai social.

Il nostro lavoro, insieme agli assessori e consiglieri (di maggioranza e di opposizione), di guida dell’amministrazione comunale e di punto di riferimento della Comunità, è stato al contempo bellissimo e molto impegnativo. Essere il sindaco della propria città è un grande onore che richiede un grandissimo impegno, che io ho cercato di svolgere al meglio anche con l’aiuto della mia famiglia. Rivolgendomi ai giovani, vi dico: Dedicate qualche anno della vostra vita al bene pubblico nell’amministrazione comunale o nelle associazioni di volontariato. E’ un’esperienza che come donna, madre e lavoratrice, ha lasciato un enorme bagaglio di conoscenza e di rapporti umani, che spero e mi auguro che non vengano mai meno. Per questo nel salutarvi, mi auguro e vi auguro, di proseguire, ognuno nel suo ruolo, e tutti come cittadini, a operare per il bene del nostro caro paese, al di là delle appartenenze politiche e culturali, nella certezza che il vostro impegno civile si esprimerà lungo nuove strade e che dunque ci incontreremo ancora».

Il sindaco Rosaria Tassinari