Teatro Dragoni, Meldola

Lunghi applausi e ovazioni per Lello Arena che con la commedia “Parenti serpenti” ha chiuso, nelle scorse settimane, la stagione 2018/19 del Teatro Dragoni di Meldola, organizzata con l’impegno congiunto dell’Amministrazione Comunale e Accademia Perduta/Romagna Teatri che, dopo oltre tre decenni, proseguono con successo la loro ininterrotta collaborazione.

La strategia di una larga offerta di linguaggi dello spettacolo dal vivo – Prosa classica e contemporanea, commedia e impegno, teatro per ragazzi e famiglie – è stata premiata anche in questa stagione dalla numerosa partecipazione di “pubblici” attenti e curiosi.
La stagione 2018/19 del Dragoni nulla ha avuto da invidiare a quelle di più grandi e blasonati Teatri metropolitani in quanto a prestigio di nomi e importanza degli spettacoli ospitati: da Michele Placido (interprete e regista di Sei personaggi in cerca d’autore di Pirandello) a Ornella Muti ed Enrico Guarneri (La governante di Vitaliano Brancati), da Nicolas Vaporidis e Antonio Catania (interpreti di L’operazione di Stefano Reali) fino al già citato Lello Arena, con il vanto aggiunto di avere “tenuto a battesimo” Human di Francesco Tesei, il più grande “mentalista” italiano, che per la seconda volta in pochi anni ha scelto di Dragoni per le “prove aperte” dei suoi spettacoli offrendo ai meldolesi l’opportunità di assistere in “anteprima nazionale” alla performance che successivamente ha calcato i palcoscenici di tutta Italia.

Ancora protagoniste, al Teatro Dragoni, sono state quest’anno le numerose iniziative per i ragazzi e le famiglie della città: le matinée di Teatro per Scuole e i sabato sera della rassegna “A Teatro in Famiglia”. Quest’ultima rassegna in particolare ha registrato in questa Stagione un piccolo ma significativo aumento di pubblico rispetto all’anno passato, con circa 1.250 presenze in 5 serate giunte anche da fuori città, sottolineando come un’offerta di qualità, occasioni di condivisione ed esperienze aggregative possano rispondere a precise richieste del pubblico, respingendo i rischi di alienazione e isolamento del piccolo schermo domestico.

Consapevoli poi che il valore di un Teatro non si misuri solo da ciò che ospita ma soprattutto da ciò che vi si produce, Accademia Perduta/Romagna Teatri – uno dei 27 Centri di Produzione riconosciuti dal Mi.B.A.C. – ha presentato al Dragoni molte delle sue nuove creazioni di Teatro Ragazzi già impegnate, oggi, in importanti tournée nazionali, quali Chi ha paura di Denti di Ferro? della compagnia TCP Tanti Cosi Progetti e Sogni bambini di Ferruccio Filipazzi.