Forlì SiCura

«La sicurezza è lo strumento con cui rendere l’individuo protagonista della propria libertà. Chi usa la sicurezza e la paura come strumento di propaganda elettorale pur di arrivare al potere, è un pericolo per la comunità. Chi decide di ambire a un ruolo pubblico dovrebbe avere un senso civico altissimo e non essere pronto a tutto, a qualsiasi compromesso e alla menzogna, pur di trarre dei vantaggi. Il riferimento è alla segretaria della Lega, Cintorino che recentemente si è lanciata in dichiarazioni, le ennesime da bar, dove attribuisce alle politiche del suo “Capitano” il calo dei reati nella nostra provincia. Evidentemente la nostra segretaria grande scalatrice di discese, al pari del suo disinformato candidato Zattini, non sa che i reati a Forlì sono in calo da diversi anni e si avventura in slanci degni della sua evidente deontologia politica da bar.

Segretaria per favore cerchi di studiare un minimo e magari legga il “Report sulle Politiche e Problemi di Sicurezza” che ogni anno la Regione Emilia Romagna edita; potrà così constatare come il trend sia positivo da almeno tre anni e in particolare modo a Forlì. Siamo certi di essere di fronte ad una banale disinformazione e non a un opportunismo parassita. Non è comunque questa la politica che ci interessa e che interessa ai cittadini. A noi servono fatti e non chiacchiere. Le uniche vere politiche della sicurezza a Forlì le porta avanti Forlì SiCura, con un modello preso come riferimento anche dal Forum Italiano sulla Sicurezza Urbana.

Noi abbiamo idee e progetti molto chiari:
Luoghi SiCuri: sicurezza naturale e maggiore vivibilità con la realizzazione di un regolamento edilizio che in futuro eviti errori progettuali che creano “buchi neri” e spazi insicuri. Iniziare a progettare luoghi cui ogni individuo può percepire lo spazio pubblico come proprio.

Strade SiCure: migliorare la qualità della mobilità intervenendo su infrastrutture e viabilità per indurre gli utenti della strada a comportamenti rispettosi della vita. Creare di un team per “l’analisi del rischio stradale” e implementare le zone 30 naturali, gli attraversamenti pedonali protetti, i dissuasori della velocità, le piste ciclabili sicure, la totale sostituzione della illuminazione pubblica con luci a led per evitare gli spegnimenti.

SiCurezza Partecipata: per contribuire all’eliminazione delle cause del disagio vissuto dai cittadini in merito di problemi legati alla sicurezza sviluppando una applicazione 1Safe per cellulare, una piattaforma di scambio bi-univoca di informazioni con la Polizia Locale.

Smart Security: la videosorveglianza attiva evoluta. Questo progetto integra la videosorveglianza della città di Forlì con il territorio per creare una barriera elettronica che protegge le città da auto rubate, ricercate dalle polizie, sprovviste di assicurazione o segnalate dalla applicazione 1Safe. Ammodernare la videosorveglianza del centro e creare nei distretti produttivi zone di protezione situazionale mediante le nuove tecnologie.

Partecipazione SiCura: creare gruppi civici nei quartieri e per sviluppare il senso di comunità e rendere l’individuo protagonista del proprio territorio, come realizzato in Corso Mazzini con il progetto “il bello che non ti aspetti” e simili.

Collaborazione SiCura: patto di collaborazione con istituti di vigilanza privata per contribuire al controllo dei beni comuni e implementare la dotazione tecnologica del comune.
Purtroppo cattivi maestri e segretari, tentano di far credere cose aberranti, tanto che perfino il Decreto Sicurezza Bis di è stato definito dall’Onu come violazione dei diritti umani e l’atto di accusa che formalizza questo è già stato inoltrato al ministro degli esteri italiano. È ora di voltare pagina, noi ci discostiamo completamente dalla politica della paura e dell’incompetenza dell’area di destra a livello nazionale e locale qui a Forlì. L’unica alternativa credibile, prima che sia troppo tardi, è votare per Marco Ravaioli sindaco e comunque anche noi abbiamo uno slogan: ”Prima le persone”.

Francesco Catalano candidato lista Civica Forlì SiCura