Casara: «Piano strategico della città e Assessorato alla Smart City»

0

«La grande novità dell’amministrazione Zattini sarà rappresentata dalla definizione di un Piano strategico della città». Attacca così Paola Casara, candidata al Consiglio comunale per la lista civica “Forlì cambia”, alla conclusione della campagna elettorale che in moltissimi momenti l’ha vista impegnata fianco a fianco del candidato sindaco di centro destra Gianluca Zattini.

«In tanti incontri pubblici e privati – continua la Casara – Gianluca Zattini ed io abbiamo condiviso la necessità di dotare la città di uno strumento agile e moderno capace di definire la vocazione e le traiettorie future della città stessa. Mi preme rimarcare che, le attuali difficoltà in cui si trova Forlì, con ogni probabilità, sono sorte negli ultimi quindici anni di amministrazioni fini a se stesse, amministrazioni che non hanno trovato seguito in un secondo mandato e che non hanno fatto altro che rallentare in tutti i settori lo sviluppo della città. Oggi per riattivare le energie dei vari mondi, Forlì ha bisogno di nuova vitalità e di nuovo slancio!».

La candidata della lista civica “Forlì cambia” osserva poi: «Penso a un momento di ascolto, elaborazione, sintesi e condivisione, in cui le forze sociali, le imprese e i loro rappresentanti, il terzo settore, i quartieri e tutti i soggetti che partecipano alla vita attiva della città possano contribuire all’elaborazione di una traiettoria comune per il futuro della nostra Forlì. Al tempo stesso sono convinta che, dopo il possibile cambio di colore della prossima giunta comunale, quanto di buono è stato fatto in passato non debba essere totalmente ripensato o addirittura annullato».

«Immaginiamo una Forlì del 2030 – prosegue Paola Casara pensando alla città del futuro – una Forlì in cui il mondo del lavoro sarà sicuramente più evoluto grazie alla velocità delle trasformazioni ma anche ai rapporti sociali. Nell’ambito di questo disegno proporrò a Zattini l’introduzione nella prossima giunta di una delega alla Smart City, mai immaginata prima nella nostra città. Chi vi sarà preposto non dovrà occuparsi unicamente dell’innovazione tecnologica ma dovrà impegnarsi a fondo nel tentativo di proiettare Forlì in una modernità che oggi ancora non le appartiene».

Per concludere la Casara lancia un messaggio di stima nei confronti del candidato sindaco di centro destra: «Per come ha affrontato la campagna elettorale sono certa che Zattini sarà un sindaco tra la gente, non chiuso nel palazzo e dietro una scrivania, un uomo del fare. Sono sicura che saprà fornire la giusta visione affinché Forlì possa riappropriarsi di un suo ruolo centrale e competitivo nel territorio, una visione che potrà tornare a fare innamorare tutti i forlivesi della nostra città».