Anniversario Omicidio Ruffilli

Martedì 16 aprile, a 31 anni dalla scomparsa del professor Roberto Ruffilli, assassinato dai terroristi delle Brigate Rosse nella sua casa di corso Diaz a Forlì ne ricorda l’esempio e la testimonianza. Professore universitario e senatore, impegnato a elaborare una proposta di riforma delle istituzioni della Repubblica, Roberto Ruffilli rappresenta un esempio umano, politico e padagogico di altissimo livello, per la vocazione all’insegnamento, l’impegno riformatore, il pluralismo, il confronto, il rigore nello studio, la partecipazione civica, il senso del dovere. Questo il programma delle iniziative organizzate dalla Fondazione Roberto Ruffilli e dal Comune di Forlì per la giornata.

Cerimonia commemorativa. Alle ore 11,30, nella Chiesa di Sant’Antonio Abate in Ravaldino verrà celebrata la Messa di suffragio. A seguire avrà luogo la cerimonia istituzionale con interventi musicali e letture da parte degli studenti delle scuole superiori di Forlì, in piazzetta Ruffilli. Concluderà la cerimonia la deposizione di una corona commemorativa alla presenza delle autorità cittadine e dei familiari al cospetto delle epigrafi all’esterno dell’abitazione in corso Diaz 116.

Incontro e proiezione alla Sala San Luigi. Alle ore 18,00 nella Sala San Luigi, in in via Luigi Nanni 14 a Forlì, verrà presentato il documentario “Cittadino Ruffilli”. Interverranno Stefano Bonaccini presidente della Regione Emilia Romagna, Roberto Pinza presidente della Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì, Pierangelo Schiera presidente della Fondazione Roberto Ruffilli, Davide Drei sindaco di Forlì e gli autori del documentario Alessandro Quadretti e Domenico Guzzo.