Opera Don Pippo

Sabato 6 aprile dalle 16,00 alle 18,00 nello “spazio Atipico” della Fondazione Opera Don Pippo in galleria Mazzini, 14 si terrà un laboratorio di fotografia con smartphone.
L’incontro è gratuito ed aperto a tutta la cittadinanza.
Il laboratorio è realizzato in collaborazione con l’ “Associazione Fotografi Forlivesi” e l’ “Associazione comunità Papa Giovanni XXIII” all’interno del progetto SEED (Social Employment Education Development).

Il progetto SEED proposto dall’Associazione comunità Papa Giovanni XXIII di Rimini, in partnership con le cooperative sociali Comunità Papa Giovanni XXII e La Fraternità, è finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale nell’ambito della prevenzione e contrasto al disagio giovanile.
Il progetto coinvolge giovani dai 14 ai 28 anni residenti nelle province di Rimini e Forlì-Cesena che si trovano nella condizione di Neet (Not Engaged in Education and Training). Sono giovani che non studiano e non lavorano, che hanno abbandonato gli studi oppure li hanno conclusi e sono alla ricerca di un primo impiego, o ancora che hanno concluso il percorso universitario, ma non riescono a trovare lavoro.

Il motto del progetto è “seed the future” (semina il futuro), e vuole favorire l’individuazione e il reinserimento dei giovani Neet attraverso azioni di sistema con le organizzazioni del Terzo settore, i luoghi di svago, intrattenimento e di aggregazione giovanile, gli enti locali, le scuole e i centri di formazione. Il progetto ruota su un concorso di idee per la Social innovation a cui i giovani Neet potranno partecipare, prendendo spunto e ispirazione da confronti con le organizzazioni del Terzo settore. Questi confronti potranno diventare inizio di una nuova collaborazione, lavorativa o di volontariato. Sono previsti laboratori creativi e incontri formativi gratuiti finalizzati alla partecipazione del concorso a premi sulla Social Innovation.

Marco Di Noto, referente del progetto, ci racconta che è una possibilità per i giovani di esprimersi e sperimentarsi, portando una parte di sé stessi nelle realtà con cui entrano a contatto e per le organizzazioni del terzo settore è un’opportunità di innovazione sociale.
Per ulteriori informazioni consultare il sito internet conchiurla.it o la pagina facebook: SeedTheFuture.

CONDIVIDI
Articolo precedenteSimone Cristicchi al Mentore
Articolo successivoZanetti (Mdp): "Non concordiamo, nel merito, su alcune affermazioni di Alternativa per Forlì"
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).