cinema

Mercoledì 3 aprile, alle ore 20,45, nella Sala San Luigi, in via Luigi Nanni 14 a Forlì, per la rassegna “Una comunità da costruire. Riflessione guidata con la proiezione di tre film dedicati al Risorgimento”, verrà proposta la pellicola “Quanto è bello lu murire acciso” di Enzo Lorenzini, Italia 1975. Introdurrà Paolo Poponessi.
Il film racconta l’impresa di Carlo Pisacane organizzata alla maniera mazziniana, badando cioè più all’entusiasmo patriottico che ad una severa preparazione. Imbarcatosi a Genova con ventiquattro volontari con lo scopo di avviare una rivoluzione dei contadini meridionali, fece dirottare la nave, diretta a Tunisi, all’isola di Ponza dove liberò 323 detenuti e si rifornì di armi. Dopo lo sbarco a Sapri, Pisacane si rese subito conto del mancato aiuto dei liberali napoletani che non vollero avere a che fare con quella spedizione mista con ergastolani che i contadini temevano come una banda di briganti. Nonostante tutto Pisacane volle proseguire nell’impresa, convinto che sarebbe bastato accendere la scintilla perché la rivoluzione divampasse in tutto il Sud d’Italia. Furono invece proprio i contadini ad attaccare e costringere alla fuga i congiurati che in località
Salemme presso Sanza vennero circondati e 25 di loro massacrati. Gli altri, per un totale di 150, vennero catturati e consegnati ai gendarmi. Ingresso libero.


 

Mercoledì 3 aprile, alle ore 16,00, nella sala delle assemblee del Foro Boario, nel piazzale Foro Boario 7 a Forlì, per il ciclo di incontri “Varietà”, promosso dall’Auser, Franco Fabbri, con l’ausilio di immagini, terrà una conferenza su: “… per Forlì… molti gli angoli della mia città“. Ingresso libero.