Presentazione-scuola-lavoro

Si è svolta a Gatteo la visita presso l’azienda Furuno Italia Srl per gli studenti della classe 4° A Economico Sociale del Liceo Classico G.B. Morgagni di Forlì. La visita si inserisce all’interno del progetto “Crei-Amo l’Impresa 2018-2019” rivolto agli studenti degli Istituti di Istruzione secondaria superiore della regione e promosso dal Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Emilia-Romagna in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia-Romagna e il Consorzio Interuniversitario AlmaLaurea. L’iniziativa nasce dall’intento di sviluppare negli studenti emiliano-romagnoli la sensibilità verso la cultura d’impresa e l’autoimprenditorialità ed è finalizzata alla creazione, da parte dei giovani partecipanti, di un progetto d’impresa innovativo e all’elaborazione di un vero e proprio business plan.
Furuno Italia Srl è un’azienda specializzata nello sviluppo e nella vendita di materiale elettronico e attrezzature per la navigazione e la comunicazione, nonché strumenti di misurazione per il settore nautico (radar, gps, sonar).

La visita guidata da Massimo Bugli general manager dell’azienda, rappresenta il punto di partenza che servirà a stimolare gli studenti nell’ideare un progetto imprenditoriale da elaborare con la supervisione di Luca Zagnoli vicepresidente con delega all’Education del Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Forlì-Cesena. “Con questo progetto vogliamo avvicinare i ragazzi al mondo del lavoro per permettergli di poter comprendere al meglio che tipo di percorso intraprendere una volta terminati gli studi – afferma Luca Zagnolisoprattutto in un momento storico come quello in cui viviamo dove le leggi di mercato ci impongono di essere molto dinamici e ricettivi al cambiamento e quindi alle diverse professioni che andranno a delinearsi”.

Crei-Amo l’Impresa è un progetto di cui andiamo molto fieri – sostiene Filippo Zamagni presidente del Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Forlì-Cesena – nato con l’intento di avvicinare i giovani alla cultura d’impresa, dando loro gli strumenti adeguati per accostarsi all’imprenditorialità come concreta prospettiva di futuro percorso professionale. Gli studenti dovranno infatti progettare un’idea imprenditoriale innovativa che valorizzi le proprie attitudini e le conoscenze maturate a scuola, integrandole con la vocazione economica del proprio territorio”.

La nostra azienda – precisa Massimo Bugliè sempre molto contenta di ospitare studenti, che non solo costituiscono quella che sarà la futura forza lavoro, ma anche quella che sarà la futura fonte di idee innovative, cosa assolutamente fondamentale per un’azienda che, come la nostra, si occupa di prodotti di alta tecnologia”.
I progetti territoriali verranno presentati i primi di giugno davanti ad una giuria che individuerà la classe vincitrice.