Fuori dai margini

0

Titolo: Fuori dai margini. Autore: Andrea Canevaro. Genere: saggio letterario di psicologia e pedagogia.

Trama – Il libro parla del progresso che ha fatto il tema della disabilità negli ultimi anni e dei diritti/doveri che un disabile dovrebbe avere. Dà anche dei consigli alle famiglie e a chi non sa come affrontare certi temi scomodi (quali la sessualità o l’integrazione lavorativa). Questo libro insegna che bisogna tenere conto delle specifiche di ciascuno senza fare di tutta l’erba un fascio con le persone, ma tenendo conto dei bisogni personali. È suddiviso in varie sezioni e affronta soprattutto il tema dell’inclusione scuola/lavoro per le persone disabili. Dando alcuni consigli per affrontare questi aspetti concretamente, sia ai diretti interessati che alle famiglie.
Il libro è scritto in maniera molto chiara e comprensibile, anche se affronta temi molto profondi. Fa una analisi perfetta dei meccanismi che possono portare al vittimismo e all’autovittimismo; e per questo lo consigliamo a tutti coloro che vogliono conoscere un mondo definito dall’autore stesso “fuori dai margini” (da cui il titolo del libro). Cioè, fuori dagli schemi mentali del pregiudizio su chi è diverso.

Note sull’autore – Andrea Canavaro nasce a Genova il 19 settembre 1939 ed è grande pedagogista italiano. Insegna all’università di Bologna ed è considerato uno studioso di prestigio internazionale. Dagli anni Settanta è impegnato sul fronte dell’inclusione sociale, con particolare attenzione nell’ambito della disabilità e dell’handicap. È ritenuto il padre della Pedagogia Speciale in Italia.

Loretta e Giovanna

CONDIVIDI
Articolo precedenteForlì vince all'overtime il derby con Imola e trova Rieti nei playoff
Articolo successivoFiorini (ApF) critica aspramente il decreto sicurezza
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).