Torrione-corso-Diaz

«Finalmente dopo anni di duro lavoro e di difficile impegno, il nostro Comitato vede finalmente concretizzarsi gli sforzi profusi: dopo la realizzazione dei lavori di sistemazione di Corso Diaz ora stanno partendo anche quelli riguardanti la messa in sicurezza del Torrione dell’acqua per poi passare al restauro dei giardini del Torrione. Sono state necessarie 5000 firme e la formalizzazione di proposte concrete e tanta pazienza e determinazione per ottenere, dopo sei anni (la vicenda è iniziata nel 2013) un intervento coerente con le proposte avanzate e le richieste dei cittadini. Nel 2017, il nostro comitato, ritenendo opportuno che l’Amministrazione Comunale illustrasse alla cittadinanza i due progetti, quello del Torrione e quello del giardino.

Organizzammo una assemblea pubblica, continuando in un impegno che è stato determinato e costante e fatto costantemente di proposte positive. Sembrava che i lavori stessero per partire ma non è stato così, ci sono voluti ancora due anni per risolvere una questione tecnicamente assai semplice, lo spostamento temporaneo dei trasmettitori degli impianti di telefonia. L’attesa si è prolungata purtroppo oltremisura, mentre i cittadini che abitano il quartiere e anche i 5000 firmatari della nostra petizione continuano a reclamare l’apertura di un giardino in gran parete chiuso da ormai un decennio. Finalmente i lavori stanno partendo e speriamo che sia la volta buona. Anche perchè siamo in attesa di ripiantare dentro il giardino, una volta finiti i lavori, le 7 lagerstroemie che abbiamo salvato dall’abbattimento durante i lavori di ripiantumazione delle nuove alberature in Corso Diaz e che conserviamo amorevolmente».

Comitato promotore petizione salvaguardia alberi