Sabato scorso siamo andate al Carisport di Cesena per assistere al concerto dei Nomadi, accompagnate da due operatori del Centro Residenziale dell’Opera don Pippo. Due ore e mezzo di puro spettacolo adrenalinico, organizzato alla perfezione da Radio Centrale Cesena e dal responsabile dell’evento per il Carisport, Libero Cola, che ringraziamo per l’accoglienza e la disponibilità nei nostri confronti. Lo spettacolo è stato molto emozionante, ma è stata anche l’occasione per socializzare con altre persone con disabilità motoria, e in carrozzina come noi.

Abbiamo conosciuto Marco di Cesena e Carlo di Forlì, con i quali ci siamo scambiati il numero di cellulare per mantenere i contatti. E che salutiamo, nel caso ci stessero leggendo! Il teatro era pienissimo e l’atmosfera molto coinvolgente; anzi, diciamo che sono state quasi tre ore piene di luci, emozioni, commozione e sensazioni miste tra il commovente e l’entusiasmo.

I Nomadi hanno cantato tutte le loro canzoni più conosciute e nonostante mancasse Augusto, il loro fondatore storico, si sentiva comunque la sua presenza. I musicisti del gruppo sono stati anche molto giocosi tra di loro, nelle pause delle canzoni, e ci hanno regalato sorrisi e lacrime allo stesso tempo.
Insomma: Nomadi forever! Il tempo è volato e non abbiamo sentito nessuna stanchezza, nè al ritorno, né il giorno dopo… Anzi… siamo prontissime per i prossimi concerti in programmazione al Carisport. Il momento finale poi è stato stupendo: ci siamo ritrovati tutti sotto il palco per salutarci sulle note mitiche di “Io vagabondo”. Grazie Nomadi per questa indimenticabile serata!

Loretta e Giovanna

CONDIVIDI
Articolo precedenteIl regalo di uno sconosciuto… che si differenzia per la sua inciviltà
Articolo successivoPoderi dal Nespoli Softball: tutto pronto per l'avvio di stagione con due nuove straniere
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).