Fumettoteca-e-Fanzinoteca

Qual è la giornata mondiale della felicità? Il giorno per essere felici, ovviamente! Quindi, ‘Felicità Fare Fumetti! – Happiness to draw Comics’ per il “International Day of Happiness” iniziativa che alla Fumettoteca Alessandro Callegati “Calle”, al Centro Nazionale Studi Fanzine – Fanzinoteca d’Italia 0.2, mercoledì 20 marzo si propone l’apertura straordinaria dalle 14,00 alle 18,00 della sede fumettotecaria. Lo staff Fumettoteca, in questa felice, ed è il caso di dirlo, occasione propone al pubblico una esposizione consultabile legata al mondo della felicità fumettistica dal titolo ‘Felicità Fare Fumetti!’, mostrando a tutti gli interessati come sia possibile essere pienamente felici realizzando fumetti, ma anche leggendoli.

Personaggi di simpatia consolidata, come Paperino, Lupo Alberto, Rat-Man, Alan Ford, Braccio di Ferro, solo per citarne alcuni. Fumetti pieni di felicità e felicità piena di fumetti, nella ricerca della felicità perduta, un obiettivo umano fondamentale come ha espresso il Segretario-Generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon, ci si rivolge a tutte quelle persone che sono alla ricerca di qualcosa che sentono di aver smarrito da tempo. Le Nazioni Unite inoltrano l’invito ad ogni persona di qualsiasi età, oltre a ogni classe, imprese e governo a celebrare la giornata mondiale della felicità ogni anno il 20 marzo. Immancabili in omaggio, fino ad esaurimento, un “sorriso di felicità” da parte dello staff intero.

Una proposta per un’ulteriore riflessione, un contatto diretto con la gente per renderla consapevole del valore materiale e immateriale del nostro operato. Non sarà né semplice, né scontato ma bisogna agire per riconoscere l’importanza della felicità e del benessere, quali obiettivi universali e aspirazioni comuni per tutti gli abitanti della terra; la Giornata Mondiale della Felicità mira a questo. Dal 2013, le Nazioni Unite hanno celebrato la giornata mondiale della felicità come un modo per riconoscere l’importanza della felicità nella vita delle persone in tutto il mondo.

La Fumettoteca Alessandro Callegati “Calle” partecipa alla manifestazione mondiale grazie ad una ricca ed unica proposta fumettografica, per mostrare, e ben dimostrare, come la società sia in sintonia con l’aspetto comunicativo della Nona Arte, ora grazie anche alla Fumettoteca unica attività in tutta la Regione Emilia-Romagna. I fumetti insegnano, per chi lo desidera comprendere, sono in grado di far emergere il valore socio-culturale effettivo dell’individuo e della stessa comunità d’appartenenza, nei suoi oltre 120 anni di editoria lo ha, più volte, ben dimostrato. Nel 2015, l’ONU ha lanciato i 17 obiettivi di sviluppo sostenibile che cercano di porre fine alla povertà, ridurre le disuguaglianze e proteggere il nostro pianeta – tre aspetti chiave che portano al benessere e, non meno, alla felicità.
Un’altra iniziativa che, proseguendo sulla scia delle molte proposte in calendario previste per il 2019, permette a tutti gli appassionati e i curiosi del mondo fumettistico di avere le occasioni per scoprire e conoscere la vastità dell’editoria fumettistica nazionale.

La Fumettoteca Alessandro Callegati “Calle”, attiva solamente da pochi mesi, grazie al supporto del Centro Nazionale Studi Fanzine – Fanzinoteca d’Italia 0.2, si è inserita nel mondo giovanile locale ed ora, proponendo percorsi e progetti mirati, è in grado di espandersi a livello regionale e nazionale allo scopo di costruire nuove relazioni e creare reti di socializzazione. Tanti i servizi e progetti che la “Biblioteca dei fumetti” è disponibile a mettere in campo per tutti gli interessati, consigli e lezioni di fumetto, Corsi, Incontri e supporto per Tesi di Laurea, con il progetto Giovani youngERcard diamo spazio alla volontà di volontariato per chiunque lo desideri fare, inoltre accettiamo donazioni di fumetti, piuttosto che lasciarli ad ammuffire o impolverarsi, per donare a loro un ruolo sociale e una nuova opportunità per i giovani lettori.

CONDIVIDI
Articolo precedentePorte aperte al Campus di Forlì "Open days 2019"
Articolo successivoNuovo allestimento del Sacrario, Acri (FI): “Nel discorso del sindaco la discriminazione dei caduti della Repubblica Sociale”
Esperto e attento ricercatore dei linguaggi giovanili, in particolare modo il linguaggio veicolato dalla produzione dell'editoria indipendente giovanile, con alle spalle studi di Tecnico Operatore Sociale è da oltre un decennio impegnato nella ricerca, studio e lavoro inerente alla produzione dell'editoria fanzinara nazionale. Filologo e storico delle fanzine italiane è autore di varie pubblicazioni e numerosi articoli, saggi, cronologie e bibliografie diffuse su periodici ufficiali ed amatoriali, riviste specializzate e webzine, un operato che testimonia il suo interesse per lo studio, la ricerca e la documentazione relativa all'universo, agli autori e alla produzione fanzinara. A questi prodotti amatoriali realizzati dal 1977 al 1997 ha dato alle stampe il primo, e finora unico, lavoro di catalogazione pubblicato in Italia. Coordinatore e organizzatore, nonché docente, di Workshop, Corsi, Seminari rivolti al mondo dell’editoria fanzinara italiana, svoltisi con successo in varie città, eventi che hanno sempre riscosso notevole interesse da parte dei partecipanti.