Reato di lettura

Titolo del libro: “Io e te”. Autore: Niccolò Ammaniti. Genere: Romanzo. Pubblicato nel 2010. Nel 2012 dal libro è stato tratto l’omonimo film diretto da Bernardo Bertolucci.

Trama. È la storia di Lorenzo, un ragazzo adolescente che apparentemente ha una vita normale ma in realtà non ha amici, in quanto le relazioni lo spaventano. Quando la sua classe parte per la settimana bianca e la madre lo viene a sapere, per non deluderla, racconta la bugia di essere stato invitato anche lui. Per non destare sospetti in famiglia si nasconde in cantina per tutta la durata della vacanza, e lì ha preparato cibo, un letto, i fumetti preferiti e la sua PlayStation. Un giorno viene sorpreso dalla sorellastra Olivia, una ragazza tossicodipendente con cui non ha mai avuto rapporti stretti, che scopre il suo segreto. Per non tradirlo lo ricatta, chiedendogli ospitalità che lui è costretto a darle. I due fratellastri iniziano così questa strana convivenza in cantina, al punto da far nascere un’amicizia profonda. Tanto da spingere Lorenzo a farsi promettere da lei di smettere di drogarsi.

Il libro descrive la fatica di crescere di un adolescente e di sua sorella maggiore dai rapporti familiari quasi inesistenti e di come la casualità e il disagio psicologico, a volte, possano diventare l’occasione per condividere insieme un pezzo di strada. Migliorandosi a vicenda.

Ne consigliamo la lettura a chi sta vivendo o ha vissuto rapporti familiari difficili, per comprendere che anche in situazioni drammatiche e dolorose è possibile cambiare le cose. Se ci si allea e ci si aiuta reciprocamente.

Note sull’autore. Niccolò Ammaniti è nato a Roma, ha pubblicato “Fango”, “Branchie” e “Che la festa cominci”. I suoi libri sono tradotti in 25 paesi nel mondo.

Loretta e Giovanna

CONDIVIDI
Articolo precedenteOfficine del Sale
Articolo successivoLavori sulla rete idrica in piazzale Schiavonia
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).