mamanet firenze

Sabato 16 marzo, alle ore 9,30 nella sala Foro Boario, nel piazzale Foro Boario 7 a Forlì, seminario pubblico sull’esperienza dello sport pensato per le donne “Donne, facciamo rete il Mamanet come esperimento sociale”.

Fare di una mamma un“ambasciatrice” dello sport di base può agevolare l’aumento della pratica sportiva tra i giovanissimi? Riservare uno sport alle donne over 30, promuovendone tra di loro dinamiche di gruppo positive, può aiutare alla costruzione della rete sociale? Tutte domande alle quali si prefigge di rispondere il seminario pubblico organizzato dal comitato provinciale Forlì-Cesena dell’Associazione Italiana Cultura Sport e dal titolo “Donne, facciamo rete – Il Mamanet come esperimento sociale”. Al confronto pubblico, che si terrà sabato 16 marzo dalle 9.30 nella sala Foro Boario nell’omonimo piazzale, parteciperanno le istituzioni e i tecnici tra cui lo psicologo dello sport Mirco Mazzoli, che ha avuto l’opportunità di seguire da vicino gli allenamenti di Mamanet promossi sul territorio da Aics, e al quale sarà data l’opportunità di svelare il valore aggiunto dello sport pensato per le mamme e le donne over 30.

Il Mamanet – un mix tra pallavolo e palla rilanciata – nasce infatti in Israele con lo stesso obiettivo: quello di promuovere condivisione e rete tra nuclei sociali. L’ente di promozione sportiva Aics l’ha quindi importato in Italia e in Europa con lo scopo di promuovere attraverso di esso e attraverso le mamme l’educazione allo sport per tutte le età e a misura di qualsiasi impegno, professionale e familiare. Ad oggi, sono oltre 600 le mamme in tutta Italia che praticano il Mamanet, oltre 100 delle quali solo a Forlì: 60 le iscritte ai corsi di allenamento promossi da Aics.

Il seminario pubblico illustrerà, come anticipato, il prodotto dell’analisi tecnica sull’applicazione dell’“esperimento Mamanet” in città, attraverso allenamenti “controllati”, somministrazione di questionari, promozione di momenti condivisi l’ultimo dei quali organizzato il 7 marzo scorso nella palestra della scuola “La Nave” con un “Terzo tempo” speciale allargato alle famiglie delle atlete.

Al confronto interverranno: la presidente del comitato Aics di Forlì-Cesena Catia Gambadori, l’assessora allo Sport del Comune di Forlì Sara Samorì, la psicologa e psico-terapeuta Bruna Poretta dell’unità Centro Donna del Comune, il tecnico nazionale di Mamanet Paolo Proscia, l’atleta Ilenia Bombardi, lo psicologo dello sport Mirco Mazzoli e la consigliera di pari opportunità di Aics Nazionale Angela Moretti. Le conclusioni saranno affidate al presidente di Aics nazionale, Bruno Molea.