“Il cammino delle donne tra pagine e fumetti” la proposta per la Festa della Donna della fumettoteca

0
Letture: 341

International Women’s Day alla Fumettoteca Alessandro Callegati “Calle”, presso il Centro Nazionale Studi Fanzine – Fanzinoteca d’Italia 0.2, con sede a Forlì in via Curiel 51, che per l’occasione propone al pubblico interessato l’iniziativa per l’ennesima edizione della “Festa della Donna”, di venerdì 8 marzo, con apertura straordinaria dalle 14 alle 18 della Fumettoteca. Lo Staff Fumettoteca, in questo frangente, evidenzia la ricorrenza con un pomeriggio di aperura della sede per proporre al pubblico un interessante punto di vista sulle donne con una esposizione consultabile dal titolo “Il percorso delle donne fra pagine e fumetti”. L’esposizione specifica, che prevede la visione e consultazione di albi e volumi a fumetti, si lega alla ricca produzione dell’editoria fumettistica, mettendo in mostra con le testate contenenti immagini delle “donne fumettate” ma non per questo di minor valore, anzi. La donna anche nel fumetto ha dovuto “combattere” per rivendicare un ruolo e solo dopo tanti, tanti anni questa donna illustrata può illustrare i non pochi aspetti sociali conquistati.

Un aspetto alternativo – chiarisce il direttore fumettotecario Gianluca Umiliacchi che, in contrapposizione con le solite, tipiche iniziative, mette in luce uno spaccato socio-culturale non così facile da recepire. La donna fumettistica come oggetto degli eroi di turno, anzi sempre pronta a mettersi nelle situazioni pericolose dalle quale non essere in grado di uscirne, fino alla donna fumettata che ha una propria testata e impegno, neppure tanto semplice, come Julia o l’intramontabile Valentina, passando dalle giovani donne contestatrici come Lucy di Charlie Brown e Mafalda, senza dimenticare le eroine Wonder Woman e Supergirl, solo per citarne alcune”.

Quindi, per tutte le donne che desiderano uscire dai canoni stereotipati della tipica loro festività, la Fumettoteca Alessandro Callegati “Calle” è pronta a proporre la loro iniziativa di ricorrenza”. Anche in questo 2019, come per gli anni passati, la “Biblioteca dei Fumetti” partecipa alla Festa della Donna rendendo omaggio all’universo femminile, nel modo più consone grazie alla stessa produzione fumettistica legata al mondo femminile, iniziativa che nasce con il preciso intento di sensibilizzare il pubblico nei confronti del fumetto e, soprattutto, valorizzare un ruolo femminile sociale partendo dai ruoli fumettistici.

L’iniziativa vuole essere anche un supporto per un ulteriore tassello socio-culturale, affinché si possa valorizzare l’immagine delle donne e rappresentarla come sono nella loro realtà e non attraverso un immaginario deformante, spesso svilente, al servizio del consumo e dell’uso privato che, purtroppo, sta dilagando nella nostra società“. Dal sito della Fumettoteca, aggiornato periodicamente, sii può prendere visione dell’impegno e lavoro di volontariato messo in campo, grazie ai relativi numeri: 6.705 donazioni ricevute, con tanto di lista nominativa, 1470 eventi generali, rivolti al mondo fumettistico e riscontro di tutto ciò si possono contare 44.402 Presenze, partecipazioni e pubblico! La Fumettoteca Alessandro Callegati “Calle”, grazie al supporto del Centro Nazionale Studi Fanzine – Fanzinoteca d’Italia 0.2, si è inserita nel mondo giovanile locale ed ora, proponendo percorsi e progetti mirati, si espande a livello regionale per costruire nuove relazioni e per creare reti di socializzazione. Tanti i servizi e progetti che la “Biblioteca dei fumetti” è disponibile a mettere in campo per tutti gli interessati, accettiamo donazioni di
fumetti e diamo spazio alla volontà di volontariato che chiunque desideri di fare. Per conoscere dettagliatamente le iniziative e chiedere informazioni fumettoteca@fanzineitaliane.it – www.fanzineitaliane.it/fumettoteca.

CONDIVIDI
Articolo precedentePompignoli: "Si proceda con la chiusura della moschea di via Fabbretti"
Articolo successivoServizio Civile. A Forlì dalla Guinea. "Ho ricevuto molto e ora faccio la mia parte per gli altri"
Esperto e attento ricercatore dei linguaggi giovanili, in particolare modo il linguaggio veicolato dalla produzione dell'editoria indipendente giovanile, con alle spalle studi di Tecnico Operatore Sociale è da oltre un decennio impegnato nella ricerca, studio e lavoro inerente alla produzione dell'editoria fanzinara nazionale. Filologo e storico delle fanzine italiane è autore di varie pubblicazioni e numerosi articoli, saggi, cronologie e bibliografie diffuse su periodici ufficiali ed amatoriali, riviste specializzate e webzine, un operato che testimonia il suo interesse per lo studio, la ricerca e la documentazione relativa all'universo, agli autori e alla produzione fanzinara. A questi prodotti amatoriali realizzati dal 1977 al 1997 ha dato alle stampe il primo, e finora unico, lavoro di catalogazione pubblicato in Italia. Coordinatore e organizzatore, nonché docente, di Workshop, Corsi, Seminari rivolti al mondo dell’editoria fanzinara italiana, svoltisi con successo in varie città, eventi che hanno sempre riscosso notevole interesse da parte dei partecipanti.