GenerAzioni in Comune: “Vivere e investire alla Pré”

Illustrate le proposte della lista "Generazioni in Comune" per Predappio Alta. Al via in tutto il territorio il confronto con i cittadini basato su dialogo, attenzione, rispetto

0
Letture: 264

Il programma di Gianni Flamigni, candidato sindaco al Comune di Predappio, e della lista “GenerAzioni in Comune” sviluppa alcuni punti strategici (lavoro, scuole, welfare, giovani, turismo…) e, in questi giorni, è sottoposto al confronto con i cittadini e le realtà associative per giungere alla completa definizione. Oltre a questi punti, però, sono stati elaborati “Progetti di Borgo” che verranno illustrati nelle singole frazioni. Il primo ad essere definito è quello relativo a Predappio Alta, insediamento d’antichissima origine che ha nel Sangiovese la sua vocazione d’eccellenza. Il progetto è denominato “Vivere e investire alla Pré“.

Colonna portante è la valorizzazione del patrimonio edilizio esistente, con l’obiettivo di preservare l’identità storica e culturale, puntando a riqualificare le abitazioni, recuperare i beni in stato di abbandono e ottimizzare costi e spese per gli alloggi non abitati. Ciò permetterà, da un lato, di valorizzare la bellezza del borgo, dall’altro di sostenere l’insediamento di nuclei familiari con particolare attenzione ai giovani. Il sostegno pubblico consentirà di avere a disposizione case a prezzi calmierati, convenzionati e simbolici. A fronte di questo, le famiglie di impegneranno a ristrutturare secondo determinate caratteristiche, con garanzie di serietà del progetto e del proponente, il tutto attraverso contratti di comodato o similari con le proprietà.

Agevolazioni potranno giungere grazie a sgravi fiscali e a incentivi per chi ristruttura vecchi edifici abbandonati o a disposizione dei nuovi residenti, nuclei che sceglieranno di vivere nel borgo. Fondamentale sarà la cura della viabilità stradale che verrà sostenuta attraverso nuovi patti di manutenzione con gli enti preposti, soprattutto nella fascia collinare dove sarà installata segnaletica di promozione per chi offre servizi, ristorazione, attività agricole o culturali. Fra Predappio Alta e Predappio tracceremo anche un sentiero per passeggiate denominato “APPIedi in Salute” che sarà parte del nuovo sistema ciclopedonale comunale.

Dei “Progetti di Borgo” fanno parte connessioni alla rete Internet e salotti paesani “wi-fi free”. La valorizzazione della viticoltura, delle Cantine e delle attività vinicole e di ristorazione, troverà attenzione nel sostegno e nella promozione di qualità. Sempre nel rapporto con la campagna, “Generazioni in Comune” punta al rilancio della cultura del “fare coltivazione” incentivando iniziative in agricoltura, dalla dimensione familiare alle start-up imprenditoriali. Il borgo, la sua storia, i suoi prodotti, i suoi abitanti e il territorio circostante sono anche un patrimonio capace di attirare ospiti. In questa ottica è rilanciata l’idea di realizzare un albergo diffuso.

Il turismo che ama vivere i luoghi e abitare nelle stanze dei borghi autentici, troverà a Predappio Alta una rete di accoglienza attraverso stanze appositamente attrezzate, servizi, ristorazione e attrazioni. Per far apprezzare in toto la bellezza del borgo verranno restaurati l’antico Fontanone e il Lavatoio, che insieme alla Rocca, alle antiche Cantine Zoli, alle chiese e ai camminamenti nei vicoli medievali costituiscono un patrimonio storico e architettonico tipico e veramente unico. Un discorso a parte spetta al teatro per il cui restauro, essendo complesso e molto oneroso, dovrà essere individuata una soluzione pubblico-privata. Altro intervento riguarderà il Parco delle Rimembranze che verrà predisposto ad area verde attrezzata. Le parole chiave di questa visione sono riqualificazione, valorizzazione, condivisione, accoglienza e coesione. A quest’ultima parola sono legate proposte innovative rivolte alla comunità paesana che dovrà vedere le generazioni unite in un patto di paese. Giovani e anziani, bambini e adulti, nuclei familiari numerosi e persone sole.

Predappio Alta per i giovani e con i giovani potrebbe essere il luogo in cui, collaborando con l’Università, si confrontano per esprimere le proprie idee ed elaborare progetti innovativi per la comunità. A disposizione della collettività di Predappio Alta sarà attivato un “Punto Polifunzionale” per servizi essenziali alla persona, dall’assistenza alle pratiche postali all’apertura, due volte a settimana, di uno Sportello al Cittadino per aiutare le persone nel disbrigo di pratiche amministrative di vario tipo. Altra proposta di comunità è l’attivazione di una forma di “mobilità condivisa” attraverso accordi e recapiti che permetterà la condivisione di automezzi, in chiave di maggior rispetto ambientale e di aiuto reciproco.
Il “Progetto di Borgo – vivere ed investire alla Prè – è il punto di partenza del confronto che l’Associazione vuole condividere con la cittadinanza venerdì 5 aprile a la Vecia Cantena d’la Prè alle ore 17,30 con un aperitivo conviviale.