cinema

Titolo del film: Domani è un altro giorno. Regista Simone Spada con Valerio Mastandrea, Marco Giallini, Anna Ferzetti, Andrea Arcangeli, Jessica Cressy. Genere Commedia, Italia, 2019, durata 100 minuti.

Trama. Il film è la storia di come si può dare dignità alla malattia oncologica. I due attori protagonisti sono Tommaso e Giuliano, due vecchi amici molto diversi ma molto uniti. Giuliano è un attore squattrinato con un cancro ai polmoni in fase terminale, mentre Tommaso vive in Canada sposato con vita regolare ed è più riflessivo ed introverso. Terzo protagonista è Pato, un enorme e bonaccione cane che vive in simbiosi con Giuliano; tanto che quando lui decide di interrompere la cura, cerca disperatamente una nuova famiglia per il suo amico a quattro-zampe. Aiutato da Tommaso, che pur avendo paura dell’aereo lo raggiunge chiamato dalla sorella, per fargli cambiare idea. Rimane con lui quattro giorni, in cui lo segue e asseconda in tutte le sue iniziative. Come ad esempio scegliere la sua futura bara e andare a trovare suo figlio a Barcellona. Durante una cena con la sorella e l’amico, Giuliano comunica di avere delle medicine per farla finita. Tommaso si offre di stargli vicino, ma Giuliano vuole farlo da solo. Al momento di lasciarsi, Giuliano gli affida il tanto amato Pato; sicuro, che a casa sua sarebbe stato bene.

Il film è molto bello e tratta il tema di una vera amicizia, forte e sincera, e il tema della malattia terminale. Quindi della morte e dell’eutanasia. Il tutto affrontato in modo commovente ma non stucchevole, anche se non approfondisce la paura della morte e la drammatica situazione di trovarsi accanto al tuo migliore amico, sapendo che deve morire. I due attori protagonisti sono davvero bravi nelle loro parti.
Per questo ne consigliamo la visione a coloro che credono ancora nell’amicizia, perchè la storia del film ne rappresenta una parte davvero e profonda.

Loretta e Giovanna

CONDIVIDI
Articolo precedenteA Forlimpopoli si canta, si conta, si parla e si danza con Nicoletta Bettini
Articolo successivoGli incontri "La grande anima dell’Oriente: Myanmar" e "Il quotidiano e la politica"
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).