rifiuti

Con un metodo meno invasivo e più rispettoso delle esigenze dei cittadini, la multiutility Hera, a Ferrara, è riuscita a mettere in piedi un sistema di tariffazione puntuale che nel 2018 ha sfiorato l’87% di differenziata”. A dirlo è Daniele Mezzacapo, capogruppo della Lega in consiglio comunale, citando il successo del Comune estense che, in termini di quota di raccolta differenziata, è il più virtuoso d’Italia.

Più volte abbiamo specificato che le nostre perplessità riguardano il metodo di gestione e di prelievo dei rifiuti urbani adottato da Alea, e non la volontà di perseguire politiche virtuose in materia di economia circolare. Non siamo contrari, a prescindere, all’attuazione di un sistema di raccolta dei rifiuti che valorizzi l’ambiente e che premi, in bolletta, chi differenzia. Ma non possiamo avvallare il circuito sceloritizzato di Alea, il metodo che questa società ha adottato, che non comporta risparmi in termini economici e che soprattutto crea disagi e degrado a macchia di leopardo. Avremmo preferito che l’Amministrazione avesse preso spunto dall’esperienza ferrarese e dall’idea di abbracciare la tariffazione puntuale attraverso un sistema al servizio dei cittadini, e non viceversa.”

Dopo l’ennesima giustificazione, i vertici di Alea parlano ancora di sperimentazione e di margini di miglioramento. Ma i forlivesi hanno bisogno di risposte concrete, di soluzioni immediate e non di promesse a lungo termine” conclude il leghista.