La Fumettoteca Alessandro Calelgati “Calle”, in via Curiel 51 a Forlì, presente alla manifestazione nazionale “Settimana di azione contro il razzismo” targata 2019. L’iniziativa messa in campo, legata al contesto della Settimana di azione contro il razzismo, vede dal 21 al 24 marzo, propone al pubblico aperture pomeridiane dalle ore 14,00 alle 18,00 per presentare l’esposizione consultabile “Un fumetto per incontrarsi”, albi e volumi di grandi o sconosciuti personaggi fumettistici, come Diabolik o i contenuti della testata Il Giornalino per donare un’occasione a tutte le parsone di potersi incontrare nella fumettotecaria. Tema scottante quello proposto, contro le discriminazioni sociale in una società ben consapevole della conoscenza generale dei vari fattori molteplici: l’età, la lingua, la religione o le convinzioni personali, l’appartenenza a una minoranza nazionale, la disabilità, l’orientamento sessuale e molti altri ancora, sfociando in taluni casi verso le spaventose ‘discriminazioni multiple’.

Ebbene il fumetto, il buon fumetto, può anche comunicare al pubblico valori e concetti che, grazie a questo mezzo di comunicazione, possono essere assimilati e accettati più facilmente che in altre metodologie. Quindi, fumetti per raccontare pensieri e momenti di vita, storie di personaggi che rispecchiano uomini, donne e bambini appartenenti ai gruppi etnici diversi, a orientamenti individuali diversi, alle identità di genere, ecc., e con “Un fumetto per incontrarsi” si potrà visitare la mostra tematica fino a domenica 24 marzo.

La proposta mira a promuovere un ruolo attivo dei giovani nella lotta al razzismo attraverso la conoscenza e consapevolezza, col rafforzamento della loro capacità di analizzare i meccanismi di costruzione degli stereotipi che sono alla base del discorso razzista.
Il fumetto viene usato, invece, per portare messaggi di integrazione, rispetto delle differenze e per approfondire la conoscenza di chi è diverso, fosse per razza, sesso, religione, orientamento sessuale, handicap, condizione sociale o personale, opinione politica, proprio perché indirizzato alle generazioni più giovani. Essendo il fumetto, come ogni altra forma di creatività, uno specchio dei tempi in cui viene realizzato, è evidente che vi si trovino echi di questa situazione, anche per questo bisogna mobilizzarsi per combattere gli stereotipi proprio con l’umorismo e la creatività dei fumetti.

La specifica esposizione propone, attraverso le pagine dei vari fumetti, i tanti luoghi comuni, per lo più negativi, su etnie diverse e impostazioni di carattere su determinati personaggi che, oggi, rivestono un ruolo più marcato e definito di molti anni fa. Si potranno consultare le Campagne Sociali portate avanti da Diabolik ed Eva Kant, fumetti dove l’eroe di turno è la Pantera Nera o il nuovo Uomo Ragno giovane di colore, fumetti realizzati appositamente per lo scopo dalla Commissione Europea come l’albo dal titolo “Razzista io?” e molto altro materiale utile a definire posizioni e concetti. L’offerta culturale, dunque, è stata resa ancora più ampia e diversificata con l’obiettivo di diffondere un messaggio di rispetto e tolleranza della diversità, nonché di contrasto nei confronti di ogni forma di discriminazione. Come ogni anno, in occasione della Giornata mondiale per l’eliminazione delle discriminazioni razziali che si celebra il 21 marzo, l’Ufficio Nazionale Antidiscriminazione Razziali (UNAR) promuove la “Settimana di azione contro il razzismo”, campagna di sensibilizzazione e animazione territoriale giunta alla sua quindicesima edizione, in programma dal 18 al 24 marzo e la Fumettoteca con la propria iniziativa si trova inserita in calendario nel sito ufficiale.

Anche l’iniziativa “Un fumetto per incontrarsi” si inserisce in quella fitta serie di attività socio-culturali che dimostra come la Fumettoteca sia in grado di proporsi come un mondo aperto agli stimoli sociali delle persone, grazie al contenuto e la comunicazione degli stessi fumetti. Ennesima iniziativa, questa, che grazie alle molte proposte in calendario previste per il 2019 permette a tutti gli appassionati e i curiosi del mondo fumettistico di avere le occasioni per scoprire e conoscere la vastità dell’editoria fumettistica nazionale. La Fumettoteca Alessandro Callegati “Calle”, attiva solamente da pochi mesi, grazie al supporto del Centro Nazionale Studi Fanzine – Fanzinoteca d’Italia 0.2, si è inserita nel mondo giovanile locale ed ora, proponendo percorsi e progetti mirati, è in grado di espandersi a livello regionale e nazionale allo scopo di costruire nuove relazioni e creare reti di socializzazione. Tanti i servizi e progetti che la “Biblioteca dei fumetti” è disponibile a mettere in campo per tutti gli interessati, consigli e lezioni di fumetto, corsi, incontri e supporto per tesi di laurea, con il progetto Giovani youngERcard diamo spazio alla volontà di volontariato per chiunque lo desideri fare, inoltre accettiamo donazioni di fumetti, piuttosto che lasciarli ad ammuffire o impolverarsi, per donare a loro un ruolo sociale e una nuova opportunità per i giovani lettori. Per conoscere dettagliatamente le iniziative e chiedere informazioni fumettoteca@fanzineitaliane.it – www.fanzineitaliane.it/fumettoteca.

CONDIVIDI
Articolo precedenteLotto Tangenziale, Morrone: "Questo governo ha una marcia in più"
Articolo successivoM5S in tour nelle eccellenze cooperative del territorio
Esperto e attento ricercatore dei linguaggi giovanili, in particolare modo il linguaggio veicolato dalla produzione dell'editoria indipendente giovanile, con alle spalle studi di Tecnico Operatore Sociale è da oltre un decennio impegnato nella ricerca, studio e lavoro inerente alla produzione dell'editoria fanzinara nazionale. Filologo e storico delle fanzine italiane è autore di varie pubblicazioni e numerosi articoli, saggi, cronologie e bibliografie diffuse su periodici ufficiali ed amatoriali, riviste specializzate e webzine, un operato che testimonia il suo interesse per lo studio, la ricerca e la documentazione relativa all'universo, agli autori e alla produzione fanzinara. A questi prodotti amatoriali realizzati dal 1977 al 1997 ha dato alle stampe il primo, e finora unico, lavoro di catalogazione pubblicato in Italia. Coordinatore e organizzatore, nonché docente, di Workshop, Corsi, Seminari rivolti al mondo dell’editoria fanzinara italiana, svoltisi con successo in varie città, eventi che hanno sempre riscosso notevole interesse da parte dei partecipanti.