premiati “Coinè per l’Arte” 2019

Si è chiusa domenica con la consegna dei premi della 17ª edizione del concorso internazionale “Coinè per l’Arte”, l’edizione 2019 di Vernice Art Fair, la mostra-mercato d’arte contemporanea che ha permesso direttamente agli artisti, e alle associazioni culturali che li promuovono, di presentare le proprie creazioni al pubblico. Una formula che continua a riscontrare il gradimento sia degli artisti stessi – ben 453 quelli presenti alla rassegna – sia del pubblico. Davvero numerose le presenze registrate in fiera durante i tre giorni della manifestazione: appassionati, critici, colleghi artisti, galleristi e tanti giovani attratti dalle nuove tendenze delle arti visive in mostra a Forlì.

A chiudere idealmente la manifestazione, domenica si sono svolte le premiazioni del concorso “Coinè per l’Arte” che, visto l’elevato numero di iscritti e l’importante livello artistico, ha portato a selezionare ben 27 opere esposte nella hall d’ingresso dei padiglioni durante i tre giorni di “Vernice” e in lizza per l’assegnazione dei riconoscimenti consistenti in stand preallestiti per la 18ª edizione della rassegna, la pubblicazione delle opere sul catalogo di Vernice Art Fair 2020 e un buono da 1.000 euro per il primo classificato.

Il primo premio è stato assegnato al giapponese Tetsuji Endo con l’opera Analessi d’argento (2018, tecnica mista, cm 70×100). Secondi classificati ex aequo l’imolese Elena Modelli con l’opera Senza titolo, ceramica e Gene Pompa con l’opera Lucus, il bosco sacro (2018, olio su tela, cm 100×100. Terzo classificato, dalla Turchia, Serdal Kesgin, con l’opera Folding consumption series (2018, mixed media on wood, cm 120×60).
Il Premio della stampa è stato assegnato al reatino Federico Pisciotta, con l’opera Without religion (2015, tecnica mista e olio su tavola sagomata, plexiglass e lampade led rgb, cm 124,95×98).