Camera di commercio

“800 e più: forme d’Arte in vetrina” Camera di Commercio della Romagna, Anny Wernert dall’8 marzo all’8 aprile. Forlì è divenuta una città di cultura d’arte. Le ricchezze artistiche della città e delle sue mostre creano un’eco importante anche per le opere contemporanee alla ricerca della visibilità che meritano. Per diffondere cultura nel senso più ampio del termine l’associazione Svagarte valorizza il lavoro degli artisti d’oggi con “800 e più: forme d’Arte in vetrina” ospitata dalla Camera di Commercio della Romagna in corso della Repubblica 5, iniziativa collaterale alla mostra “Ottocento. L’arte dell’Italia tra Hayez e Segantini”.

Dall’8 marzo all’8 aprile espone Anny Wernert con un omaggio commemorativo ad Aurelio Saffi, fissandolo nei nobili lineamenti che richiamano l’integrità morale e ideologica del grande protagonista forlivese del Risorgimento e con un olio fortemente realistico di partecipazione totale alla storia italiana, con le sue vicende e tragedie storiche. Di Anny colpisce l’energico tratto espressivo e cromatico con cui si riavvicina al figurativo dopo un lungo periodo informale, dove ha le sue radici, alla ricerca di una sua verità.

“800 e più: forme d’Arte in vetrina” vuole portare l’arte contemporanea nel centro storico di Forlì, in un momento non facile, come sottolineatura corale all’importante mostra forlivese. Le opere d’arte contemporanea impreziosiscono la vetrina della Camerale, per creare un naturale legame con la grande rassegna dei Musei S. Domenico.