“Trova le differenze”, non è un gioco ma una esasperante realtà

0
Letture: 461

È tempo di bilanci… Sono passati ormai quattro anni dalla realizzazione del nostro primo video “contro” le barriere architettoniche. Chi di voi non ha mai giocato nella Settimana Enigmistica a “trova le differenze”? Se qualcuno di voi non lo ha mai fatto, lo potrà fare adesso guardando questo video.

Il gioco consiste nel trovare almeno tre elementi differenti tra i due video. Uno di questi che sicuramente vi sarà saltato all’occhio è il cambio di stagione, o anche l’abbigliamento diverso e qualche capello bianco in più. Scherzi a parte, la mia speranza è che i vostri occhi si siano fissati su altri aspetti che purtroppo sono rimasti totalmente invariati.

Naturalmente è più difficile notare e concretizzare queste differenze ma non è impossibile.
Quanto tempo dobbiamo aspettare ancora? È così difficile trasformare un gradino in una rampa? Perchè non proviamo a fare la differenza!

Paola Negosanti

CONDIVIDI
Articolo precedenteMoschea abusiva. Pompignoli: "Ora la Regione verifichi tutti i centri islamici della Romagna”
Articolo successivoLe mostre "Quando la ceramica si illumina" e alla Zangheri
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).