Carnevale

Un bilancio molto positivo quello della Festa di Carnevale Insieme 2019, con un successo riconosciuto al Comitato di quartiere Romiti, unitamente agli altri quartieri della zona ovest di Forlì (Villanova, San Varano-Quattro, Villagrappa, Cava) non soltanto da un punto di vista quantitativo (oltre 6000 persone hanno partecipato all’evento), ma anche e soprattutto per la qualità e varietà del programma proposto. All’iniziativa hanno partecipato anche le associazioni genitori delle scuole dell’istituto comprensivo numero 5 Tina Gori e le parrocchie dei quartieri partecipanti.

Tanti bambini, col proprio abito colorato, hanno partecipato alla terza edizione del “Carnevale insieme” della zona ovest di Forlì. All’iniziativa hanno partecipato anche le associazioni genitori delle scuole dell’istituto comprensivo numero 5 Tina Gori e le parrocchie dei quartieri partecipanti. Hanno sfilato i carri allegorici ed i gruppi mascherati, che, partiti dal quartiere Romiti hanno concluso la parata e la festa al parco Bertozzi di via Sillaro (quartiere Cava).

L’appuntamento è stato animato da majorette, bici acrobatiche, carri allegorici e gruppi mascherati. Ad accompagnare l’evento ci sono stati anche giochi, balli e divertimento per i bambini. Al termine è stata servita una merenda per tutti a base di dolci e cioccolata calda. Molti eventi, hanno fatto parte di questa manifestazione. Un vero e proprio fiume di gente è passato per le vie dei quartieri Romiti e Cava. La grande partecipazione, di giovani e bambini, famiglie, anziani hanno permesso che questa giornata di festa fosse importante per la zona ovest e per tutta la città di Forlì.

Parlando di presenze, i numeri sono davvero straordinari – osservano gli organizzatori -. Numeri importanti non soltanto per la Festa di Carnevale, ma perché hanno creato un nuovo modo di poter considerare la zona ovest di Forlì un luogo dove si può stare insieme, e trascorrere momenti di allegria e festa ma soprattutto per far si di poter conoscere nuove persone di quartieri limitrofi e confinanti e unire la gente nel segno dell’amicizia e volontariato. Siamo felici di aver fatto, la scelta giusta, cioè quella di provare a realizzare un nuovo tipo di vita nella zona ovest di Forlì, aiutandoci a creare iniziative utili rivolte soprattutto al volontariato e beneficenza nei confronti di coloro che hanno più bisogno. Un particolare ringraziamento a tutti coloro che in questi mesi hanno dedicato il loro tempo libero al volontariato e si sono resi disponibili anche sacrificandosi per questo nuovo progetto di quartieri uniti e a disposizione per fare il bene nei confronti dei residenti e coinvolgendo tutta la cittadinanza di Forlì“.