Santa Sofia, approvato il bilancio: tributi invariati e tanti lavori in cantiere

0

Il bilancio di previsione 2019-’21 è stato approvato dal Consiglio Comunale di Santa Sofia lo scorso 5 febbraio. Pur in un contesto ancora difficile per il mondo produttivo e nonostante sussista una situazione molto complessa di enti a noi vicini (Unione dei Comuni, Provincia e Parco Nazionale) che incide sul funzionamento dei servizi, continua lo sforzo nel mantenere inalterate le tasse di competenza comunale. D’altro canto, per la parte relativa agli investimenti, nel 2019 e nel successivo biennio tante opere saranno realizzate grazie ai finanziamenti intercettati negli ultimi anni.

Il bilancio del Comune di Santa Sofia continua ad avere come obiettivi principali l’equità sociale e il lavoro che rimangono le nostre priorità programmatiche – sottolinea l’Amministrazione -. L’approssimarsi delle elezioni non ha modificato queste intenzioni ed anzi il fatto di essere in un anno elettorale ci ha spinto ad un bilancio ancora più “rigoroso” e “cautelativo” del solito”.

Rimangono invariati i tributi di diretta competenza del Comune. Per quanto riguarda l’Imu è previsto il mantenimento dell’aliquota al 9,6 per mille con una diminuzione al 7,6 mille per i comodati d’uso gratuito per i parenti di primo grado (ad esempio abitazione del genitore dove risiede il figlio), per tutte le categorie catastali diverse dalle A/1, A/8 e A/9 (per le quali l’aliquota è pari al 5 per mille). L’addizionale Irpef viene mantenuta allo 0,5 per mille. L’approvazione delle tariffe per la Tari è prevista entro la fine del mese di febbraio. Il costo totale del servizio subirà una piccola riduzione rispetto al 2018 (-0,5%) ma va detto che le tariffe dipendono anche da altri fattori (cessazioni, nuove utenze, detrazioni, ecc…) che andranno valutati. I tributi “minori” non subiranno aumenti.

Per i “servizi alla persona”, i costi rimangono invariati per teatro Mentore, galleria d’arte moderna Vero Stoppioni e lampade votive nei cimiteri comunali. Viene confermata la riduzione per i tributi per i nuovi insediamenti produttivi. Chi aprirà una nuova impresa nel comune di Santa Sofia vedrà riconosciute consistenti agevolazioni fiscali su Imu e Tari per il prossimo biennio, come stabilito con il bilancio 2017. Nel dettaglio, per quanto riguarda l’Imu, avranno diritto ad un’aliquota ridotta al 7,6 per mille per le annualità 2019 e 2020 tutti coloro che avvieranno una nuova attività in immobili posseduti a titolo di proprietà o diritto reale di godimento da società di persone, società di capitali, società cooperative, enti, associazioni ed imprese individuali e direttamente utilizzate dalle stesse per lo svolgimento della propria attività.

Per la Tari, avranno diritto ad una riduzione della tariffa pari al 50% della quota variabile per le annualità 2019 e 2020 tutti coloro che avvieranno una nuova attività. Al cosiddetto “pacchetto lavoro” del Comune di Santa Sofia, da quest’anno va aggiunto quanto definito dalla regione Emilia Romagna sul taglio dell’Irap per i comuni montani (dei quali fa parte Santa Sofia), cioè azzeramento per 3 anni per le nuove imprese e taglio dal 33% al 50% per quelle esistenti.

Contestualmente al bilancio, è stato approvato il piano triennale delle opere pubbliche. Un piano ricco di interventi per gli anni 2019, 2020 e 2021. Per il 2019 sono previsti interventi per oltre 1 milione di euro, con la riqualificazione dell’area esterna Milleluci (€ 220.000), l’ampliamento e recupero Campo Sportivo Brusati (€ 309.000) e l’ampliamento del cimitero del capoluogo (€ 500.000).
Oltre a queste, sono previste opere di importi minori che non rientrano nel piano triennale delle opere pubbliche ma fanno parte della parte di bilancio in conto capitale.
Parliamo, ad esempio, della manutenzione straordinaria della strada comunale Gorgozzo-Collina di Pondo-Saviana; della manutenzione straordinaria di varie strade comunali e del progetto “I nuovi Centri Storici Digitali: implementazione di accessi in banda larga/wifi nei Comuni nell’area Leader”.

Altre opere importanti per l’anno in corso, nelle quali il Comune è coinvolto indirettamente poiché i lavori sono in capo ad altri enti pubblici o privati, ma che hanno una rilevanza primaria per Santa Sofia, sono la manutenzione straordinaria del parco Papa Pasquale II a Corniolo da parte dell’Unione dei Comuni della Romagna Forlivese; l’installazione della “Casa dell’acqua” da parte di Romagna Acque Società delle Fonti presso il parcheggio Karl Marx, gli interventi presso l’Ospedale Nefetti da parte di Ausl Romagna per camera calda e punto di primo intervento e ambulatorio per la dialisi. 

Anche per il bilancio 2019 la cultura ha un impatto importante: prima di tutto, prosegue il forte impegno verso la stagione e il funzionamento del Teatro Mentore. Altre risorse importanti sono destinate alle attività della galleria d’arte contemporanea Vero Stoppioni, mentre ulteriori fondi saranno indirizzati su due appuntamenti di grande rilevanza nazionale che si svolgeranno a Santa Sofia: “le giornate FAI di primavera: Cicerone per un giorno” che si svolgeranno il 23 e 24 marzo lungo il Parco di sculture all’aperto e la prima tappa del Giro d’Italia under 23 (Riccione-Santa Sofia) con arrivo nella piazza di Mortano il 14 giugno.
Infine, anche nel bilancio 2019 – 2021 vengono mantenute le risorse per le associazioni culturali e sportive che con il loro impegno offrono un servizio di valenza pubblica. 

Da sempre il Comune di Santa Sofia dedica molte risorse ai servizi sociali e anche per il 2019 non si prevedono tagli ma un aumento di risorse destinate direttamente all’ASP San Vincenzo de Paoli, che gestisce i servizi sociali per il Comune di Santa Sofia: per il bilancio 2019 sono previsti € 511.592,34 (oltre € 22.000 in più rispetto al 2018).
Ambiti a cui vengono destinate risorse importanti sono i servizi scolastici, ed in particolare i trasporti scolastici (gratuiti per tutti gli studenti del forese) e le mense. Molte risorse sono destinate al nido Fiocco di Neve che con i suoi 40 bimbi è il fiore all’occhiello del nostro Comune. 

In base a quanto sopra, pur non nascondendo le difficoltà, pensiamo che con questo bilancio, continui l’impegno dell’amministrazione nella strada che sin dal 2014 abbiamo intrapreso – spiega il sindaco Valbonesi -. Tentiamo di stimolare il mondo produttivo andando incontro a chi fa impresa con detrazioni che nel 2019, sommando l’azione di Comune e Regione, saranno veramente significative. Riduzioni e detrazioni fiscali per le attività produttive che, assieme alla diffusione in tutto il capoluogo della banda larga avvenuta alla fine del 2016 e che tra fine 2019 e 2020 si amplierà di portata e in tutto il territorio comunale, possono rappresentare un vero e proprio pacchetto lavoro dal quale speriamo potranno nascere nuove attività economiche e produttive. Contestualmente, la tassazione invariata per il quinto anno consecutivo e la maggiore spesa per i servizi educativi e sociali vuole andare incontro alle famiglie e alle fasce più deboli. Infine, dopo importanti opere che lo scorso anno sono state appaltate e sono attualmente in corso (Vias animae-le strade ritrovate, ampliamento farmacia comunale, ecc), altri importanti lavori pubblici vedranno la luce nel prossimo biennio (basti pensare al doppio intervento sull’area “Milleluci”) e oltre a migliorare i servizi, il decoro e la funzionalità del nostro territorio, faranno anche da volano per la nostra economia”.