vasche alea

Le tariffe di Alea sono da capogiro e in sostanza non ci sarebbe alcun risparmio rispetto al vecchio gestore. Anzi, le famiglie con un componente o due componenti potrebbero pagare di più. Nella giungla dei costi per lo smaltimento dei rifiuti che sono stati decisi da Artesir e che saranno applicati nel Forlivese senza passare dai vari Consigli comunali in maniera del tutto fuorilegge, si è capito solo che non ci sarà in realtà un vero risparmio per i cittadini. Per ogni svuotamento di secco, ex indifferenziata, si pagherà circa 17 euro. Molto cara poi la tariffa per i pubblici esercizi”. Daniele Mezzacapo, consigliere Comunale di Forlì della Lega dai primi numeri trapelati, ha una sola certezza e cioè che il tanto decantato risparmio rispetto alla vecchia Tari non ci sarà.

Dai conti della serva fatti dalla società – dice Mezzacapo – ci dovrebbe essere un costo inferiore tra l’8 e i il 10 per cento. Prima di tutto si tratta di vedere se questi numeri sono reali, ma anche se fossero, la fregatura resterebbe. Se si considera che l’8 per cento di 150 euro di tassa che un single pagava, ad esempio, in un piccolo appartamento, ora, con Alea, di risparmio effettivo ci sarebbero solo 12 euro circa in un anno. In pratica per 12 euro si deve lavorare per 365 giorni e con un servizio precario, fatto male che abbiamo già visto che ha prodotto malessere, rabbia e cumuli di immondizia ovunque. Va considerata poi una spesa annua per il comodato dei bidoni”.

Alea – dice il legista – va rivista pezzo per pezzo e non appena il Centrodestra andrà al Governo dei Comuni del Forlivese si ripenserà a un servizio più efficiente e meno invasivo per le persone e soprattutto che abbia dei costi molto più bassi realmente e non soltanto promessi come è stato fatto dai nuovi gestori che con arroganza hanno imposto un sistema obsoleto che hanno fatto firmare al buio alle famiglie con false promesse”.

I cittadini forlivesi ora capiranno con chi hanno a che fare, con il PD ed il M5S che hanno sempre appoggiato e votato i finanziamenti ad Alea promettendo la chiusura dell’inceneritore forlivese. Fumo negli occhi dei forlivesi, che non devono arrendersi ma dare fiducia alla Lega per cambiare le cose e migliorare la qualità della vita dei cittadini – conclude Mezzacapo.