F4-matteo-nannini-in-bhaitech-racing

La F4 italiana si appresta ad accogliere il binomio costituito dal forlivese Matteo Nannini e Bhaitech Racing, da oggi ufficiale come reso noto dal team sui social. Si tratta di due realtà che si sono studiate a lungo e vicendevolmente nell’ultimo anno, durante il quale il giovane ha avuto l’opportunità di conoscere la squadra e macinare preziosi chilometri nei principali circuiti italiani. Sempre sotto la supervisione dell’ingegnere Luca Baldisserri, Matteo Nannini ha proseguito con il proprio allenamento in preparazione all’anticipato ingresso nel campionato di Formula 4.

Tuttavia la concorrenza è agguerrita e d’esperienza nella serie tricolore, fattore che ha portato Bhaitech e l’ingegnere a optare per uno stint di preparazione intensiva per Matteo, ossia il campionato di F4 degli Emirati Arabi. È stato proprio il team con sede a Mestrino (PD) procurare a Nannini un sedile con il team Xcel Motorsport/Energy Dubai gestito da Kevin Day. Nannini, leader del campionato dopo le prime due tappe, militerà tra Dubai e Abu Dhabi fino a marzo, per poi iniziare a dedicarsi interamente alla serie italiana, le cui danze si apriranno a Vallelunga il prossimo 5 maggio.

Per Nannini si prospetta dunque un 2019 ricco di impegni e nuove esperienze. Il forlivese commenta così il suo ingresso ufficiale nel team che lo porterà a debuttare nella prestigiosa F4 italiana: “Sono molto contento di aver firmato per la Bhaitech, dopo quasi un anno di allenamenti nella loro academy questa è una conferma del lavoro fatto“.

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa commedia "Agl'iè tòti schiuchèzi" e tributo ai Nomadi
Articolo successivoIn arrivo tre appuntamenti di Asimmetrica
Ho 21 anni e faccio parte di F1World da 4 anni. Ho frequentato il Liceo Classico Franchetti a Mestre e ora studio lingue a Ca Foscari. Da un anno scrivo anche in inglese e attualmente scrivo e realizzo video per MotorLAT. L’interesse per la F1 è nato dalle vittorie di un giovane ma carismatico Fernando Alonso. Da grande vorrei diventare giornalista sportiva, perché ritengo che unire passione e professione sia la cosa migliore che un individuo possa attuare in tutta la propria vita.