carcere forli

Venga estesa l’esenzione ticket per le prestazioni di Pronto soccorso agli agenti di Polizia penitenziaria feriti durante lo svolgimento della loro attività lavorativa”. È quanto chiede il gruppo Lega della Regione Emilia-Romagna, primo firmatario il consigliere Gabriele Delmonte, in una Risoluzione che impegna la giunta di viale Aldo Moro.
Recentemente la Regione Emilia-Romagna ha annunciato l’intenzione di abolire il pagamento del ticket per prestazioni di Pronto Soccorso a militari, poliziotti, carabinieri e vigili del fuoco, con riferimento agli infortuni rimediati durante l’orario di servizio. Tuttavia nelle intenzioni del governo regionale, parrebbe esclusa l’esenzione del ticket per gli operatori di Polizia penitenziaria” spiegano nell’atto di indirizzo Alan Fabbri, Stefano Bargi, Matteo Rancan, Fabio Rainieri, Massimiliano Pompignoli, Daniele Marchetti, Marco Pettazzoni e Andrea Liverani.

Tuttavia – sottolineano i consiglieri del Carroccio – è fuori discussione come il ruolo che gli oepratori di Polizia Penitenziaria sono chiamati a ricoprire tutti i giorni sia fondamentale, per garantire sia il corretto funzionamento che la sicurezza interna all’istituto di pena. Del resto sono numerose le notizie circa le aggressioni e i ferimenti riportati ad agenti di polizia penitenziaria nel corso di rivolte ed episodi di escandescenza da parte di soggetti sottoposti a reclusione. L’ultima, in ordine temporale, due giorni fa nel carcere di Reggio Emilia, dove, un detenuto di origini magrebine ha dato in escandescenze nell’atrio del penitenziario, causando danni a tutti gli oggetti presenti. Durante la colluttazione, inoltre, sono rimasti feriti tre poliziotti ricevendo una prognosi di dieci giorni ciascuno. Questo evento non ha fatto altro che sommarsi ad altri sul territorio regionale negli ultimi anni”.

Da qui la richiesta “di estendere l’esenzione del ticket per prestazioni di Pronto soccorso, a seguito di infortuni rimediati in orario di servizio, anche agli agenti del corpo di Polizia penitenziaria“.