Unieuro Forlì – OraSì Ravenna: 93-73

Unieuro Forlì: Giachetti 19 (6/7, 2/2), Lawson 17 (8/10, 0/1), Marini 17 (3/7, 2/4), Johnson 14 (4/5, 2/9), Donzelli 10 (4/5, 0/1), Diliegro 10 (4/8), Oxilia 5 (1/4), Bonacini 1 (0/1, 0/2), Signorini, Tremolada, Flan, Dilas n.e. All.: Valli.
Tiri da due: 30/47 (64%). Tiri da tre. 6/19 (32%). Tiri liberi: 15/27 (56%). Rimbalzi: 45 (10+35). Assist: 15.
OraSì Ravenna: Smith 28 (4/7, 5/13), Hairston 16 (7/13), Montano 12 (3/7, 2/9), Laganà 7 (2/6, 1/6), Cardillo 5 (1/3, 1/1), Gandini 3 (0/2), Jurkatamm 2, Masciadri (0/2, 0/2), Seck n.e, Tartamella n.e, Baldassi n.e, Rubbini n.e. All.: Mazzon.
Tiri da due: 17/40 (43%). Tiri da tre: 9/31 (29%). Tiri liberi: 12/19 (63%). Rimbalzi: 30 (9+21). Assist: 6.
Parziali: 29-21, 20-18, 24-18, 20-16.

Forlì ritrova la vittoria nel derby, respinge l’assalto al quinto posto di Verona che sconfigge Treviso e rimane in scia ad una Udine in salute che si sbarazza non senza troppi patemi di Piacenza sponda Assigeco. Questi i verdetti che interessano i biancorossi dopo la 21° giornata di campionato. Il derby andato in scena sulle tavole del PalaGalassi è stato una partita con un unico padrone fin dai suoi primi istanti, infatti i padroni di casa hanno controllato agevolmente la gara e già al 5′ minuto ne erano saldamente al comando sul 15 a 11. Determinante per far sì che l’Unieuro approcciasse nella maniera corretta una partita così delicata è stato l’atteggiamento che in campo ha tenuto Jacopo Giachetti che quando sul cronometro del primo quarto si segnavano ancora 3 minuti malcontati abbandona temporaneamente la contesa per sedersi in panchina tra gli applausi dei suoi sostenitori e con già 9 punti realizzati. Nel primo periodo trova minuti in campo anche Dane Diliegro perché i troppi fischi arbitrali ai danni di Donzelli e Oxilia allungano le rotazioni biancorosse. L’impatto del nuovo acquisto è comunque buono e la sua vicinanza a Lawson pare portare effetti positivi anche al gioco dell’ex Virtus Bologna. È proprio grazie alla vena realizzativa dell’ex bianconero che Forlì costruisce un parziale che la porta sul 27 a 11.

Ravenna però reagisce nell’unico modo che conosce, cioè aggrappandosi a Smith che capitalizza i molti fischi che piovono sui 28 metri e così alla prima sirena il tabellone recita 28 a 21 per gli uomini del presidente Nicosanti. Il secondo periodo si apre sul filo dell’equilibrio, il vantaggio dei padroni di casa si assesta stabilmente sulla doppia cifra anche se al 15′ minuto i bizantini ritornano ad una distanza preoccupante di soli due possessi seppure pieni dall’Unieuro. Pochi istanti dopo è Montano ad assottigliare il vantaggio forlivese grazie ad una conclusione da dietro l’arco; i ragazzi di Mazzon si trovano inaspettatamente a -5 con l’ex Fortitudo secondo giocatore biancorosso in doppia cifra. I padroni di casa non demordono e con Giachetti, Lawson e Diliegro ricostruiscono un vantaggio in doppia cifra che li accompagna ad un riposo sereno. Al 20′ il tabellone recita 49 a 39.

Alla ripresa del gioco il canovaccio della gara non cambia, Ravenna non sembra avere le armi per riaprire una gara che l’Unieuro comanda meritatamente soprattutto anche perché il suo autentico faro si prende 5 minuti in attacco e non segna. A Bonacini vengono fischiati tre falli in pochi minuti, dei quali uno antisportivo, e quando Smith decide di ricominciare a giocare nella seconda parte del parziale segna sì 7 punti ma non riesce ad arginare la fuga di Forlì che al 30′ è già in vantaggio per 73 a 57. Protagonista del terzo quarto Pierpaolo Marini che, dopo aver chiuso il primo tempo a quota 5 punti, ne manda a referto altri 12 indirizzando in maniera incontrovertibile la contesa. Quando sul cronometro della partita ci sono ancora più di 7 minuti da giocare ormai gli esiti paiono ampiamente decisi e i protagonisti della gara si lasciano andare a brani di pallacanestro non propriamente da ricordare così come la terna arbitrale chiamata a dirigere la contesa odierna. L’Unieuro tocca più volte il ventello di vantaggio, manda 6 giocatori in doppia cifra e si gode una domenica serena e un Diliegro ritrovato sperando di avere chiuso col derby un periodo non facile della stagione.

Dane ha avuto un impatto positivo sulla squadra sfiorando la doppia doppia, per lui anche 9 rimbalzi, e soprattutto sui compagni di reparto. I bianco rossi dovranno confermare i progressi messi in mostra oggi anche nella trasferta di domenica prossima con Piacenza sponda Bakery.

CONDIVIDI
Articolo precedenteIl Giorno del Ricordo 2019
Articolo successivoPonte Morandi, l’evidente stato di ottima salute delle parti non crollate
Diplomato al liceo Fulcieri Paolucci de Calboli di Forlì, nel lontano 1997, intraprende gli studi di Scienze dell'Informazione di Cesena in cui consegue la Laurea nel marzo del 2002. Dopo varie esperienze lavorative nel ramo dell'informatica presta la sua opera come programmatore all'interno del servizio informatico dell'Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori (I.R.S.T.) S.r.l. La sua vita senza la musica, lo sport e la ginnastica sarebbe stata monotona ma... Dicono di lui: "Chiedetelo agli altri...". Dice di lui: "Ciò che non ti uccide ti fortifica... Tutte cazzate"!