hikikomori

Mancano pochi giorni al convegno che si terrà sabato pomeriggio 16 febbraio, al Multisala Cineflash di Forlimpopoli. Il convegno è aperto a tutti, docenti, educatori, professionisti in ambito sociale e sanitario, genitori e cittadini; per gli assistenti sociali sono anche stati confermati crediti formativi. L’argomento trattato sarà quello del fenomeno sociale del ritiro volontario (detto anche “Hikikomori“, dalla parola nipponica che significa letteralmente “stare in disparte”).

A organizzare l’evento sono il Comune di Forlimpopoli assieme all’Associazione Hikikomori Italia, importanti sono anche i patrocini che il convegno ha ottenuto: Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri della Provincia di Forlì-Cesena, Ordine degli Psicologi della Regione Emilia-Romagna, Ordine Assistenti Sociali del Consiglio Regionale dell’Emilia-Romagna, MIUR Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia-Romagna. Il tutto è stato possibile anche grazie alla preziosa collaborazione del Piano di Zona del Distretto di Forlì, Confartigianato di Forlì, EveStyle e Star Grafic.

Il pomeriggio di lavori sarà denso e molto importante, dopo i saluti istituzionali ad opera dell’assessore scuola e politiche giovanili Sara Pignatari, dell’assessore servizi sociali e sanità Elisa Bedei, sarà la volta di Paolo Zoffoli presidente commissione sanità della Regione Emilia-Romagna. Poi il microfono passerà agli esperti del settore e ai rappresentanti delle associazioni che si occupano dell’Hikikomori in Italia, il primo a intevenire sarà Marco Crepaldi presidente dell’Ass.ne Hikikomori Italia, Antonella Rogai medico e genitore dell’Ass.ne Hikikomori Italia Genitori, Salvatore Morabito psicologo, Alessandra Prati dell’ufficio scolastico di ambito territoriale di Forlì-Cesena e Rimini, Guido Dell’Acqua del Miur e a concludere il seminario sarà Elena Carolei presidente dell’Ass.ne Hikikomori Italia Genitori.
La registrazione al convegno è dalle ore 14,00 mentre i lavori partiranno alle ore 15,00, per permettere sia un breve intermezzo a sorpresa che le conclusioni con domande da parte del pubblico. Il seminario è gratuito e che sono disponibili ancora pochi posti per partecipare, per iscriversi è necessario mandare una mail a convegni.comuneforlimpopoli@gmail.com.