Fumettoteca-e-Fanzinoteca

Sabato 23 febbraio, delle ore 16,00, la Fumettoteca Alessandro Callegati “Calle”, situata nel Centro Nazionale Studi Fanzine – Fanzinoteca d’Italia 0.2, nei locali della ex-circoscrizione di via Curiel 51 a Forlì, sarà pubblicamente intitolata e inaugurata. Un evento, questo, che vede la partecipazione del comitato di quartiere Ca’Ossi con la presenza di esponenti dell’Amministrazione Comunale, della cultura locale, dell’arte e, ovviamente, del mondo fumettistico, oltre a tanti appassionati. La presentazione della prima fumettoteca per la Regione Emilia-Romagna, da parte di Giulio Marabini, con chiarimenti su questa nuova realtà e suoi relativi servizi pubblici, vedrà a seguire la partecipazione dei grandi autori Davide Fabbri (Batman, Guerre Stellari…), e Marco Verni (Zagor), che ricorderanno l’amico “Calle” e il periodo trascorso insieme. L’intitolazione ad Alessandro Callegati, grande appassionato di fumetto, è un sincero e dovuto riconoscimento da parte dello Staff della Fanzinoteca d’Italia 0.2, in quanto, negli anni ’80, fu un “pioniere” del mondo fumettistico forlivese e a lui si deve il raggruppamento di tanti giovani appassionati e la costituzione di un terreno adeguato che negli anni ha donato a Forlì i suoi ottimi frutti; Davide Fabbri e Marco Verni per citarne due, grandi autori nonché sui grandi amici. Una realtà che, oltre a mancare a Forlì, non ve ne è una in tutta la Regione, ed è richiesta dalla cittadinanza, a conferma di ciò vi sono le notevoli richieste di visita e consultazione, nonché prestito, pervenute fin dall’inizio dell’anno, ancora prima di rendere pubblica la Fumettoteca.

Altra prerogativa della Fumettoteca, le donazioni di fumetti che ha già ricevuto negli ultimi mesi, per questo motivo coloro che desiderano donarci i loro fumetti ci contatti senza indugio, saranno messi gratuitamente a disposizione dei fruitori, un’azione che è in grado di ridare a questi prodotti un valore sociale e positivo, piuttosto che lasciarli ad impolverarsi in solaio o ammuffire in cantina. Con l’inaugurazione sarà allestita la mostra di tavole originali dal titolo “Fumetto”, con la quale si intende dare “corpo e consistenza” a 12 autori locali e nazionali, Fabbri, Signora, Verni, Babini, Cimpellin, Muñoz, Reviati, Costantini, Cossi, Montorio, Maximilian Capa e lo stesso Callegati, nonché al medesimo concetto fumettistico legato alla Nona Arte, con la proposta di circa 30 lavori. Questa mostra si colloca nel nutrito calendario di eventi che la Fumettoteca ha previsto per il 2019, senza contare le circa 10 iniziative già proposte dall’inizio dell’anno, tutti appuntamenti che spaziano dalle esposizioni agli incontri, dai corsi ai laboratori fino a presentazioni e convegni, con alcuni dei più affermati autori fumettisti a livello nazionale ed internazionale.

Di prossima realizzazione una personale dedicata a Callegati “Calle”, con i lavori eseguiti per le varie fanzine realizzate da lui e gli amici. La Fumettoteca mette a disposizione documenti e attrezzature per una piacevole occasione di condivisione culturale e ludica. Ma non si ferma solo a questo, un’attività innovativa capace di stare al passo con i tempi è in grado di proporre innovazioni anche per la stessa fruizione. Per la prima volta in Italia si attiverà un orario di apertura “su richiesta numerica”, ovvero, con la prenotazione di un minimo numerico si potrà scegliere e accordare giorno e orario di visita della struttura. Non solo questo, la Fumettoteca mette a disposizione per gli interessati un’infinità di servizi che va dal supporto tecnico e strumentale a quello logistico nella realizzazione di fumetti, oltre a seguire l’eventuale partecipazione a concorsi come ad esempio quello di Lucca Comics, e supporto con assistenza esterna a Tesi di Laurea dedicate al mondo fumettistico.

Mentre si prepara al pubblico, la Fumettoteca presenta sul sito online i suoi primi numeri, e che numeri: 6.513 donazioni ricevute, con tanto di lista nominativa, 1468 eventi generali, rivolti al mondo fumettistico e riscontro di tutto ciò si possono contare 44.219 Presenze, partecipazioni e pubblico! Il fumetto è un mezzo di comunicazione, semplice perché non richiede collegamenti elettrici, schermi luminosi o apparati audio ma, anche, un linguaggio aperto e fruibile per tanti ambiti, molti validi autori trasformano, con parole e immagini, storia letterarie capaci comunque di conservarne forza, spirito e qualità delle grandi opere della letteratura mondiale.

La Fumettoteca Alessandro Callegati “Calle”, grazie al supporto del Centro Nazionale Studi Fanzine – Fanzinoteca d’Italia 0.2, si sta inserendo nel mondo giovanile locale, proponendo percorsi e progetti per donare agli interessati strumenti utili e adeguati per attivare il confronto sulle proprie idee, per costruire nuove relazioni e per creare reti di socializzazione. Per questi motivi, dall’inizio dell’anno, è già attiva e operativa con proposte, eventi e iniziative, oltre a seguire e supportare giovani desiderosi di instradarsi lungo il percorso fumettistico. La “Biblioteca dei fumetti” è disponibile per tutti gli interessati previo accordo. Per conoscere dettagliatamente le iniziative e chiedere informazioni fumettoteca@fanzineitaliane.it – www.fanzineitaliane.it/fumettoteca.

CONDIVIDI
Articolo precedenteRimozione di alberi al Ronco e messa in sicurezza dell'alveo fluviale
Articolo successivoAlea, Zoli (Pd): “Il centrodestra critica le scelte dei propri amministratori”
Esperto e attento ricercatore dei linguaggi giovanili, in particolare modo il linguaggio veicolato dalla produzione dell'editoria indipendente giovanile, con alle spalle studi di Tecnico Operatore Sociale è da oltre un decennio impegnato nella ricerca, studio e lavoro inerente alla produzione dell'editoria fanzinara nazionale. Filologo e storico delle fanzine italiane è autore di varie pubblicazioni e numerosi articoli, saggi, cronologie e bibliografie diffuse su periodici ufficiali ed amatoriali, riviste specializzate e webzine, un operato che testimonia il suo interesse per lo studio, la ricerca e la documentazione relativa all'universo, agli autori e alla produzione fanzinara. A questi prodotti amatoriali realizzati dal 1977 al 1997 ha dato alle stampe il primo, e finora unico, lavoro di catalogazione pubblicato in Italia. Coordinatore e organizzatore, nonché docente, di Workshop, Corsi, Seminari rivolti al mondo dell’editoria fanzinara italiana, svoltisi con successo in varie città, eventi che hanno sempre riscosso notevole interesse da parte dei partecipanti.