inceneritore Forlì

Una boutade elettorale e nient’altro”. Così il capogruppo della Lega in consiglio comunale e candidato vicesindaco, Daniele Mezzacapo, definisce la recente dichiarazione del Sindaco di Forlì Davide Drei sul futuro dell’inceneritore di Coriano.

Dire che se Forlì diventerà la migliore città in Romagna per raccolta differenziata allora potrà dire addio all’inceneritore, è la più sprezzante tra le boutade elettorali di questa Giunta. Lo è perché a farsene portavoce è un Sindaco in declino, che ha già dichiarato che non si ricandiderà e che lascia in eredità ai suoi cittadini, una Forlì agonizzante frutto di politiche fallimentari su tutti i fronti. E lo è perché di questa Amministrazione, che non ha saputo rispondere, con i fatti, alle grida dei forlivesi per una maggior tutela della salute pubblica, non si può certo dire che si sia interessata, quando poteva, di mettere la parola fine allo smaltimento di rifiuti provenienti da tutta la Regione presso il nostro termovalorizzatore. Solo adesso, a tre mesi dal voto, Drei si cimenta in dichiarazioni funamboliche che scaricano sul prossimo la responsabilità di chiudere definitivamente l’inceneritore, lavandosene le mani di quello che già è stato fatto dalla sua e dalle Amministrazioni che lo hanno preceduto”.

Della salute dei suoi cittadini, dell’ambiente e del prezzo che questa città sta pagando per la presenza di un termovalorizzatore, il sindaco Drei avrebbe dovuto interessarsene prima, dando soluzioni concrete, e non quando gli pare, a seconda dell’opportunità”.