scuola elementare Fiumana

«Desidero fornire ai cittadini di Fiumana un aggiornamento sui lavori di adeguamento sismico della scuola Anna Frank di Fiumana, dopo un articolo che è uscito sul giornale on line 4live. Purtroppo l’impresa appaltatrice non è stata all’altezza del compito che essa stessa aveva dichiarato di poter fare. Questo ha portato ritardi, disagi, coinvolgendo tutti a ricercare soluzioni di fronte a quanto accaduto. Tutti i cittadini, che ringrazio per la loro civile sopportazione, si sono resi conto tuttavia del costante impegno dell’Amministrazione comunale per risolvere la situazione creatasi. Ma nessuno poteva credere, e io per primo, che si potesse essere oggetti di attacchi da parte di un soggetto che, di fronte ai problemi di una comunità pare essere compiaciuto. Proprio lui che probabilmente non sa neanche dove si trova materialmente la scuola. Non è la prima volta che attacca l’Amministrazione, e il Sindaco per primo. Ho sempre lasciato perdere perché non volevo confondermi con tale soggetto. Ma utilizzare strumentalmente i cittadini di Fiumana ed il disagio che tutti stiamo soffrendo no, questo non lo posso permettere.

L’uomo non è nuovo ad esternazioni singolari. Si è presentato alle elezioni amministrative del 2014, ed essendo stato sonoramente sconfitto, ha deciso di non partecipare alla vita della comunità, dando fin da subito le dimissioni da consigliere comunale.
Da qualche tempo tuttavia questo signore ci attacca e ci insulta da Forli, dove risiede, con instancabile continuità, e tutti interpretano questo atteggiamento come un effetto tardivo della bruciante sconfitta patita, effetto del rifiuto alla sua proposta politica.
I lavori eseguiti nella scuola Anna Frank ricadono all’interno della tipologia di Adeguamento Sismico. Non si tratta quindi di manutenzione ordinaria o straordinaria, ma di lavori complessi, in un edificio vincolato dalla Soprintendenza. Ho parlato di Adeguamento sismico e non di Miglioramento Sismico. Chiunque sappia di queste materie ha già capito l’estrema complessità dell’operazione, perché negli edifici vincolati è rarissimo l’intervento di Adeguamento sismico che porta quindi l’edificio al 100% di risposta alle sollecitazioni di progetto.

L’amministrazione comunale, in accordo con la DL, visti i ritardi accumulati nell’esecuzione dei lavori (con applicazione delle relative penali come stabilite dalla legge), vista l’estrema lentezza nel portare a compimento i lavori e da ultimo le “riserve contabili” presentate dalla ditta in data 27/12 u.s., ha deciso di interrompere i rapporti contrattuali con l’impresa appaltatrice ordinando alla stessa di liberare il cantiere, cosa che sta avvenendo.
Alle riserve presentate sarà data risposta con le modalità e i tempi stabiliti dalle normative sui lavori pubblici (120 giorni), con possibilità in caso di non raggiungimento di “accordo bonario” di adire per vie legali, con richiesta di rifondere l’amministrazione i tutti i danni diretti e indiretti, fra cui il costo del trasporto scolastico, oltre ai disagi per le famiglie, di cui siamo partecipi e consapevoli.

Nel frattempo, una volta restituito l’immobile all’amministrazione, è intenzione completare i lavori mancanti avvalendosi di una nuova impresa che sarà individuata mediante una nuova procedura d’appalto, che visti gli importi in gioco (inferiori a € 150.000) può essere individuata direttamente e pertanto in maniera rapida.
Questa è la situazione oggi. L’impresa esecutrice non è fallita, come sostiene improvvidamente chi ha scritto l’articolo, ma è stata allontanata dall’Amministrazione comunale. Per chiudere, l’invito che oggi da Predappio e da Fiumana rivolgiamo a chi ha scritto l’articolo è di informarsi quando tratta di argomenti a lui difficili, ma anche di rilassarsi. I cittadini dell’intero Comune di Predappio si sono già espressi e sono contenti che non sia lui ad occuparsi del bene di tutti».

Il sindaco Giorgio Frassineti